Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus

La buca Recensione


La buca Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Oscar (Sergio Castellitto) è un avvocato fallito che vive di piccole truffe. Armando (Rocco Papaleo) è stato in carcere 27 anni per un delitto che dice di non avere commesso.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Si conoscono per caso e dall’incontro Oscar ha un’idea che è una nuova occasione di guadagno: far ottenere ad Armando un risarcimento milionario. Tra i due inizia così una forzata convivenza che darà il via a situazioni surreali, con l’aiuto di personaggi esilaranti, di un cagnolino e della dolce barista Carmen (Valeria Bruni Tedeschi).

L’eco di una vecchia domanda, ronzata alle orecchie dei fan dei due registi siciliani sin dalla loro separazione cinematografica, torna a farsi sentire: ma Cinico tv era una creatura più di Ciprì o più di Maresco? Se qualsiasi risposta definitiva parrebbe al momento troppo pretestuosa, ancora più di qualsiasi analisi critica parlano da sé i due film contemporaneamente in sala: da una parte Belluscone di Franco Maresco, dall’altro La buca di Daniele Ciprì. Per la prima volta, i due registi approdano alle sale cinematografiche insieme ma con due film solisti e, almeno per gli ammiratori di quel vecchio stile esilarante e scorretto, non c’è dubbio che il confronto sia rivelatorio. Se dopo una lunga assenza artistica, Maresco ha realizzato un docufilm originale e spietato - con personaggi che rievocano quelle stesse atmosfere umanamente decadenti della Palermo dei bassifondi -, Ciprì si scopre un talento della commedia realizzando, due anni dopo È stato il figlio, una pellicola che stabilisce una svolta fra il suo passato in coppia e il suo presente autonomo.

La buca, da dichiarazione del suo regista, è un film che cita la grande commedia del passato, quella italiana di Dini Risi come quella americana di Billy Wilder, con un impianto tragico sul quale si innesta una vicenda leggera e pressappoco positiva. Protagonista, una coppia comica che evoca i più celebri duetti di Gassman e Tognazzi e ancora di Lemmon e Matthau. I tempi neri di Cinico tv, come de Il ritorno di Cagliostro e Totò che visse due volte, sono passati lasciando il posto a un umorismo solo lievemente grottesco, in cui il surreale si vela appena di un vago grigiore di fondo, un’amarezza definitivamente stemperata di buoni sentimenti. Se già È stato il figlio – nonostante l’ambientazione palermitana e l’occhio ancora rivolto all’umanità più reietta e alle sue più grottesche storie - manifestava un desiderio di leggerezza, La buca sancisce un netto voltare pagina del suo autore rispetto allo stile del passato e l’assimilazione di un genere che lascia ben sperare in un futuro più radioso per la commedia italiana.

L’eco di una vecchia domanda, ronzata alle orecchie dei fan dei due registi siciliani sin dalla loro separazione cinematografica, torna a farsi sentire: ma era una creatura più di Ciprì o più di Maresco? Se qualsiasi risposta definitiva parrebbe al momento troppo pretestuosa, ancora più di qualsiasi analisi critica parlano da sé i due film contemporaneamente in sala: da una parte di [Franco Maresco], dall’altro di [Daniele Ciprì]

Nonostante l’ultima creatura del regista siciliano sia un film gradevole e - si direbbe - colto per citazioni e modelli, Daniele Ciprì viaggia ormai in una direzione anni luce distante dalle caratteristiche che lo hanno contraddistinto nelle opere precedenti in coppia con Franco Maresco. Se da un lato sono da lodare la capacità trasformistica come anche il notevole aggiornamento di linguaggio cui Ciprì sottopone il suo nuovo cinema - che pur qualitativamente superiore alla media, si adatta con più convinzione a ciò di cui il pubblico ha bisogno - dall’altro questi costituiscono l’abbandono da parte di un autore di uno stile coraggioso e unico, uno dei più originali che il cinema italiano abbia avuto.

di Aurora Tamigio
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo