Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Mud Recensione


Mud Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Presentato in concorso al 65° Festival di Cannes e, successivamente, passato anche per il Sundance Film Festival, Mud - terzo film del regista Jeff Nichols - approda finalmente anche nei cinema italiani. Sebbene arrivi con ritardo, la pellicola riesce comunque a convincere lo spettatore, trascinandolo in una storia di crescita e insieme di perdita, dove l’amicizia nasce nel momento meno atteso e la vita fa capolino in un destino troppo spesso avverso.

Ellis (il giovane Tye Sheridan, lanciato da The Tree of Life) ha quattordici anni e vive con i genitori in una casa galleggiante sul fiume, in un paesino dell’Arkansas.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3/5

Il suo migliore amico è Neckbone (Jacob Lofland), orfano che vive con lo zio Galen (Michael Shannon), in grado di aggiustare quasi qualunque cosa. Un giorno, dopo una traversata del fiume, i due si imbattono in un motoscafo adagiato sulle chiome di un albero e pensano di farne il loro rifugio segreto. I due ragazzini, però, ancora non sanno che quella barca trascinata lassù dalle intemperie è già abitata da Mud (Matthew McConaughey), ritornato nel paese natale con il desiderio di ricongiungersi all’amore della sua vita, Jupiter (Reese Whiterspoon).

Mud in inglese significa fango: non a caso il film di Jeff Nichols è immerso nella natura che rappresenta, la bellissima palude tipica degli Stati Uniti del Sud, dove fiume e cielo si contendono la supremazia in un paesaggio dove gli uomini sono solo ospiti, non sempre graditi. La fotografia di Adam Stone riesce perfettamente a immortalare questo stato selvaggio, rendendolo una sorta di gabbia naturale dentro la quale i protagonisti si muovono impauriti. A ciò si accompagna la colonna sonora curata da David Perkins, che non si limita al mero accompagnamento musicale, ma diventa invece lo scheletro di una storia che pone al centro un fortissimo senso di amicizia. Matthew McConaughey presta il volto a un personaggio malinconico e ottimista al tempo stesso: un uomo pieno di contraddizioni e ombre, avvolto in una spirale di menzogne dal quale non riesce a emergere e che riesce a rimanere sè stesso solo grazie all’amore che lo lega all’egoista Jupiter.

Matthew McConaughey presta il volto a un personaggio malinconico e ottimista al tempo stesso: un uomo pieno di contraddizioni e ombre, avvolto in una spirale di menzogne dal quale non riesce a emergere e che riesce a rimanere sè stesso solo grazie all’amore.

Ma non è il lato sentimentale l’elemento di maggior interesse del film: dove la pellicola riesce alla perfezione - nel placido e immutabile scorrere del fiume - è nella rappresentazione dell'amicizia tra Mud ed Ellis. Il ragazzino, che sta muovendo i primi passi per diventare adulto, alla scoperta dell’onore e dell’amore, vede nell'uomo una sorta di modello da emulare, una persona verso cui tendere. Proprio nell’amicizia con il vagabondo, Ellis scoprirà che non è tutto oro quello che luccica e che la crescita passa, inevitabilmente, attraverso sentieri impervi nei quali è facile perdersi e ferirsi. Attraverso Mud, il ragazzo vive una disillusione costante, ma allo stesso tempo scopre la lealtà e la fiducia.

Jeff Nichols si mostra abile nel pennellare i tratti di questa amicizia così fuori dal comune che, in alcuni momenti, fa pensare a quella al centro de Il Grinta. La regia è compatta, solida, sicura di sé, capace di annullare i difetti di uno svolgimento a volte troppo lento con la costruzione di alcune scene madri che - a metà strada tra il racconto di formazione e il thriller - riescono a togliere il fiato.

di Erika Pomella
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo