Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Un finto documentario narra la genesi dell'immaginaria casa di produzione "Trinacria", ideata dai fratelli La Marca nella Sicilia del dopoguerra. Nonostante la benedizione del set da parte del vescovo Sucato, la Trinacria produrrà da subito pellicole disastrose, squallide, girate con povertà di mezzi e proiettate in sale semideserte.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

La speranza di risollevarsi dagli insuccessi proverrà da un inquietante barone - appassionato di occultismo - che desidera raccontare la vicenda del leggendario conte Cagliostro, dotato di poteri sovrannaturali. Tuttavia, le doti improvvisate del cast e l'incapacità delle troupe porteranno al manicomio gli attori più meritevoli e sanciranno il fallimento e la vocazione "maledetta" della casa di produzione.

Il ritorno di Cagliostro si apprezza tutto d'un fiato, come una confessione sentimentale. Ne si gode, ci si diverte e, soprattutto, ne si ama la cifra trash, la vena tragi-comica e il ritmo sostenuto. Unità di misura del film di Daniele Ciprì e Franco Maresco è il cattivo gusto. I due registi spalancano le porte sulla bottega dei fratelli cinefili Salvatore e Carmelo La Marca, come se aprissero i cancelli di un manicomio o della Villa dei Mostri di Bagheria. Tutto in Cagliostro si conforma a un'estetica del brutto, persino l'arte sacra, di solito eterea e in accordo con canoni classici: sul muro della bottega è appeso un Cristo senza braccia, una Madonna viene spostata dall'altare poiché spaventa i fedeli e l'effige di un santo esibisce un fallo sproporzionato.

si apprezza tutto d'un fiato, come una confessione sentimentale

I personaggi del film, costretti in stanze allo sfascio, hanno bocche sdentate, corpi deformi (a volte flatulenti): nani o gobbi, sono soggetti che difficilmente mancherebbero in un circo di fenomeni. Nulla nel film si sottrae alla farsa, dal bianco e nero della pellicola - che si finge antico - ai critici cinematografici che prendono parte al documentario fasullo, interpretando sé stessi. Come Cagliostro, che infonde vita alle statue inanimate, Ciprì e Maresco mettono in scena una verità politica ed esistenziale raccontando la rassegnazione della Sicilia e l'impossibilità di costruire qualcosa al di fuori del circuito e della volontà della malavita. Per farlo, scelgono la forma della finzione grottesca: fanno ridere, ma suscitano anche nello spettatore la vergogna di condividere la stessa natura biologica degli esseri malvestiti, miserabili e inetti rappresentati sullo schermo.

Abitanti della terra dei Malavoglia, per i quali una barca chiamata Provvidenza non solo non è mai naufragata ma neppure mai salpata.

di Costanza Gaia
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo