Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Dave (Adam Levine) è un cantautore ed è fidanzato con Greta (Keira Knightley). Quando Dave riceve una proposta di contratto da parte di un'etichetta discografica, la coppia si trasferisce a New York.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Preso dal suo successo, Dave lascia Greta. Ormai sola, la ragazza troverà conforto in Dan (Mark Ruffalo), un produttore discografico in crisi, pronto a credere nel talento musicale della ragazza.

Dopo Once, il regista John Carney torna a raccontare la forza della musica in una commedia, ambientata a New York, che è un inno leggero ed elegante alla capacità di emozionare. Tutto può cambiare parla un linguaggio semplice (forse troppo), lo stile della messa in scena è essenziale, ma Carney è abile a sfruttare una storia già vista e portarla per mano con delicatezza. I personaggi di Dan e Greta (due bravi Mark Ruffalo e Keira Knightley) hanno una passione in comune, si incontrano nel momento giusto e coltivano un'amicizia all'insegna della musica. In linea con questa tematica, Tutto può cambiare sfoggia un colonna sonora inedita che spazia dal folk all'indie-pop che, oltre a essere ben eseguita, è il giusto contraltare per rivelare i sentimenti dei personaggi. Certo, la pellicola di Carney non offre molto più di quello che può: pur avendo le carte per instaurare un discorso più complesso sull'arte e sui suoi compromessi - su come la bellezza artistica in toto e la sua ricerca non siano in vendita - rimane una suggestione e uno sguardo in superficie, narrato con toni lievi e un'atmosfera graziosa.

Dopo , il regista [John Carney] torna a raccontare la forza della musica in una commedia, ambientata a New York, che è un inno leggero ed elegante alla capacità di emozionare

E soprattutto ha la coerenza di non cadere nel prevedibile sentimentalismo. Meno empatica rispetto a Once, Tutto può cambiare è una commedia musicale senza pretese, un po' furba e priva della forza di restare impressa nella memoria ma sicuramente innocua.

di Riccardo Tanco
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo