Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Nel 1998 Daniele Ciprì e Franco Maresco - già noti al pubblico per Cinico TV, programma RAI dove i due registi siciliani tenevano finte interviste a uomini squallidi e sconsolati - dirigono Totò che visse due volte. Diviso in tre episodi, il film può vantare niente meno che una denuncia per vilipedio alla religione e un processo da cui, però, uscì indenne.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

La censura, che voleva addirittura impedirne l'uscita, si accontentò infine di vietarne la visione ai minori.

Dissacrante sin dalla prima inquadratura, il film è un attacco sistematico alle tematiche religiose. Non hanno paura, i due registi, di mettere in mostra tutto ciò che di solito viene nascosto, non abbassano lo sguardo e - anzi - lo portano al livello di stagni fangosi dove grufolano porci e sguazzano topi e puntano la telecamera in bagni pubblici e cinema a luci rosse. Un Gesù Cristo laido e sboccato, detto Totò, chiama "picciotti" gli apostoli e anziché in croce morirà sciolto nell'acido. I personaggi -pietosi, malnutriti, offesi dalla sfortuna e dalla vita - sono così simili ai poveri di spirito del Vangelo che Ciprì e Maresco ne fanno dei santi, sebbene la distanza tra loro e la redenzione rimanga siderale. Per questi umili siciliani le preghiere sono solo cantilene vuote, il prossimo è un pezzo di carne da massacrare, gli ornamenti sacri diventano oggetti da rubare e vendere per una marchetta. Come Lazzaro, che promette vendetta al Messia che lo ha resuscitato, le anime peccatrici non hanno nessuna voglia di essere salvate o perdonate e Cristo, dal canto suo, non se ne cura: "Fui mandato" si giustifica, cavandosi dalla responsabilità delle proprie azioni.

Non hanno paura, i due registi, di mettere in mostra tutto ciò che di solito viene nascosto, non abbassano lo sguardo e - anzi - lo portano al livello di stagni fangosi dove grufolano porci e sguazzano topi e puntano la telecamera in bagni pubblici e cinema a luci rosse

Anche lui è una vittima impotente.

Uomini affamati e umiliati finiscono i loro supplizi sulla croce, vegliati da tre Marie che non smettono mai gli abiti del lutto: non è importante su cosa e per chi pregare, ciò che conta è avere un'icona su cui disperarsi. I due registi non si limitano a rompere il tabù e a fare scoppiare la bomba ma, con i resti fumanti dell'ordigno esploso, mettono insieme un mondo ferito e devastato. Le persone che lo abitano sono dei Frankenstein di vita, mostri spettinati composti dei brandelli di ciò che è morto.

Al cinema il freak è colui che fa chiudere gli occhi allo spettatore terrorizzato, ma al contempo ne eccita lo sguardo avido e sovrastimolato dalle forme storpiate. Sciacallaggio, violenza, fame: è questa l'unica trinità cui si appellano i personaggi di Ciprì e Maresco, ombre che si muovono nell'indifferenza del divino e che difficilmente erediteranno il regno dei cieli.

di Costanza Gaia
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo