Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Sils Maria Recensione


Sils Maria Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Maria Enders (Juliette Binoche) è un'attrice di grande talento diventata famosa per il ruolo di una giovane seduttrice nella rappresentazione teatrale Il serpente di Maloja. Quando un'attrice adolescente e in ascesa interpreterà il ruolo che l'ha resa celebre e a Maria sarà chiesto di recitare la controparte più anziana e sedotta, le sue certezze iniziano a crollare.

In Clouds of Sils Maria, presentato in concorso al 67° Festival di Cannes, Olivier Assayas compie un'impresa che pochi autori contemporanei riescono ancora a fare: raccontare l'umanità con la leggerezza della complessità e con la complessità dell'essere leggeri.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 5.0/5
Voto utenti: 3/5

Il film narra semplicemente - e lo fa in modo straordinario - dello scorrere del tempo, dell'eterno ritorno e della vita. Un'opera densissima ma leggiadra come le nuvole delle Montagne Engadine (dove la storia è in parte ambientata), come le nuvole che formano il fenomeno atmosferico del serpente del Maloja nella località svizzera di Sils Maria. Assayas passa dal privato all'universale senza i vincoli del cinema d'autore più pedante, quasi volando con la propria macchina da presa e componendo un'opera che pare non avere peso. Clouds of Sils Maria è cinema cristallino ed essenziale. Il regista francese realizza un film di assenze e dissolvenze: i personaggi vivono come fantasmi e la scomparsa - fuori campo - riserva prodigiosi lampi di vita. Nella parabola di Maria Enders, interpretata splendidamente da Juliette Binoche, c'è la difficoltà di accettare la propria età, di comprendere le debolezze del tempo che inesorabilmente è in grado di trasformare ciascuno da carnefice a vittima, nella realtà così come sul palcoscenico. Mentre l'assistente Valentine (un'ottima Kristen Stewart) - per lucidità ed età anagrafica - ne ha la percezione, Maria non si capacita del cambiamento estetico dell'immaginario contemporaneo, che sia cinematografico, virtuale o che inglobi la vita nella sua interezza.

Un'opera densissima ma leggiadra come le nuvole delle Montagne Engadine (dove la storia è in parte ambientata), come le nuvole che formano il fenomeno atmosferico del serpente del Maloja nella località svizzera di Sils Maria

Ogni esistenza scorre veloce, così come muta la sua percezione e il tempo, inesorabilmente, trasforma le cose più rapidamente di quanto si possa desiderare.

Clouds of Sils Maria è un film su quello che siamo stati e su ciò che siamo diventati. Un’opera magnifica e necessaria che obbliga a fare i conti con una nuova idea di vita, forse meno energica ma più matura, con tutto il peso e l'esperienza che gli anni portano con sé. Il percorso di Maria Enders è la fuga da un'identità che non le appartiene più - come attrice e come persona - e la ricerca della forza di andare avanti. Nella sua perfezione formale e tematica, Clouds of Sils Maria è cinema che fluisce nello spettatore con la stessa intensità della vita.

Prende al cuore e arricchisce, narrando dell'accettazione del tempo individuale, un’esperienza che permette di vedere con occhi diversi il proprio vissuto. La più dolce condanna che possa capitare. Così Olivier Assayas chiude il suo film con un controcampo negato, spingendo lo spettatore a immaginare oltre e avanti, come si fa con la vita stessa.

di Riccardo Tanco
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo