Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Da Striscia la Notizia al grande schermo, Ficarra e Picone tornano al cinema con Andiamo a quel paese, quarto lungometraggio da loro diretto dopo l’ultimo lavoro - datato 2011 - Anche se è amore non si vede. Il punto di partenza è di nuovo la Sicilia, loro terra natia, dove si succederanno eventi inaspettati e inauditi.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

All'insegna dell’ironia dissacrante tipica dell’ormai affiatata coppia di attori siciliani.

Palermo. Valentino e Salvo, sfrattati dalla loro casa, sono costretti a trasferirsi a Monteforte, paese natio di Valentino e luogo in cui, anni prima, l'uomo si è lasciato alle spalle la storia d’amore più bella della sua vita. In quel villaggio sperduto sulle colline siciliane, però, la situazione non è delle migliori, a causa dei molti pettegolezzi e delle cattiverie pronunciate alle spalle dei due amici. Salvo, però, ha una grande idea: i paesani sono tutti anziani, perché dunque non ospitarli in casa propria, prendendo come merce di scambio le loro pensioni? L'abitazione dei due diventa un ospizio, ma la situazione finisce per complicarsi portando i protagonisti a dover rivedere il loro piano diabolico. Come? Facendo sposare la vecchia zia Lucia - settantenne - a Valentino.

Andiamo a quel paese si inserisce nel sin troppo vasto panorama delle commedie attuali, a caccia di spunti non banali, ma sempre riconducibili agli stessi cardini. Il dialetto, l’anzianità, la crisi, la furbizia all'italiana, l’espediente e la scorciatoia per guadagnar facile. Quello del duo siciliano è un film birbonesco, che gioca con originalità sul tema della vecchiaia con l’obiettivo di dissacrarlo dal punto di vista umano ed economico.

Valentino e Salvo, sfrattati dalla loro casa, sono costretti a trasferirsi a Monteforte, paese natio di Valentino e luogo in cui, anni prima, l'uomo si è lasciato alle spalle la storia d’amore più bella della sua vita

La pensione (altrui) è sinonimo di sicurezza economica e per questo ogni vecchietto deve essere conquistato psicologicamente. Il contesto di Monteforte è variopinto e presenta personaggi di ogni tipo: dal commissario ignaro al barbiere racconta storie, quasi si fosse in una fiaba, fino alla zia che intrattiene una love story segreta con il prete. La storia d’amore di Valentino è ben presente di sfondo, regalando al pubblico quel pizzico di romanticismo che in una commedia non può mai mancare. Anche se la regia mostra delle pecche importanti (il cinema non sembra essere il terreno preferito dei due attori palermitani), Ficarra e Picone non fanno mai mancare la risata al pubblico.

E per questo meritano certamente un occhio di riguardo.

di Riccardo Cotumaccio
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo