Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Contact Recensione


Contact Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Se si pensa a Robert Zemeckis e al suo rapporto con il fantascientifico, la memoria non può che volare subito a Ritorno al Futuro, la saga che dal 1985 al 1990 ha consacrato il regista americano. Eppure, nel 1997, un’altra chicca ha arricchito il suo già vasto curriculum sci-fi, stavolta però con toni più riflessivi.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

Tale rigore è del resto ciò che imponeva il soggetto di Contact, a cura di Carl Sagan, autore del libro omonimo, deceduto (ironia della sorte) proprio nel corso delle riprese.

Sin da piccola, Ellie Arroway (Jodie Foster) è affascinata dall’universo, dalle stelle e dalle galassie che lo colorano. C’è qualcuno, oltre l’essere umano, a popolare il grande buio? È questo il quesito che cambierà la vita a Ellie che – una volta adulta – si ritrova a lavorare come addetta alle trasmissioni di una grande antenna, ascoltando incessantemente lo spazio attraverso i radio telescopi del progetto SETI. Sebbene diversi magnati finanziatori, scettici sugli obiettivi scientifici della dottoressa, la privino dei fondi necessari, un giorno un segnale del tutto particolare giunge dallo spazio. Va dunque edificata una macchina gigantesca per entrare in contatto con coloro che hanno inviato tali istruzioni sulla Terra. Lo scontro con le istituzioni religiose - e in parte politiche - si verifica da subito, intralciando più volte la regolare messa in scena della missione. Ellie, nonostante i continui abusi di potere del suo superiore David Drumlin (Tom Skerritt) e grazie all’amore di Joss Palmer (Mattew McConaughey) riuscirà infine a essere l’unica protagonista di questo viaggio unico verso coloro che da sempre ha voluto conoscere: gli extraterrestri.

Contact è fantascienza che entra nel cuore: piacevole, ambizioso, sognatore e realista, non tanto nella resa della scienza, quanto nei sentimenti.

C’è qualcuno, oltre l’essere umano, a popolare il grande buio? È questo il quesito che cambierà la vita a Ellie che – una volta adulta – si ritrova a lavorare come addetta alle trasmissioni di una grande antenna, ascoltando incessantemente lo spazio attraverso i radio telescopi del progetto SETI

Forte dell’Oscar vinto con il precedente Forrest Gump, Zemeckis prova a osare in profondità, con un soggetto già pronto e una sceneggiatura da reinventare e adattare al cinema. Il risultato andrenalinico, pur regalando allo spettatore qualche momento d’ansia, è quasi sempre stemperato dal forte senso umano che la pellicola mantiene nel corso della trama. Proprio in questo è abile Robert Zemeckis: alternare l’ambizione all’umanità, puntando su un gioco di contrappesi che non rende il prodotto un'opera totale ma un film che resta ben impresso nel cuore del pubblico. Sebbene la ben nota regia “all’americana” dia costantemente la sensazione di assistere a una commedia, Contact è fantascienza molto più “terrestre” di quanto appaia.

Non è un caso, infatti, se il viaggio interstellare invece che per lo spazio, si svolga in una frazione di secondo proprio sul nostro pianeta, per la precisione in Giappone. Temi come l’amore e i sentimenti dell’uomo, allora, non risultano mai stucchevoli. Neanche in un film che vuole parlare di stelle, galassie e alieni, o presunti tali.

di Riccardo Cotumaccio
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo