Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali

AGGIUNGI UNA CITAZIONE PER QUESTO FILM

(dovrà prima essere verificata dallo staff di Silenzio In Sala)


Invia

AGGIUNGI UNA CURIOSITÀ PER QUESTO FILM

(dovrà prima essere verificata dallo staff di Silenzio In Sala)


Invia
Per aggiungere una curiosità o una citazione devi prima effettuare l'accesso

Username
Password


RegistratiPassword dimenticata

Storm Children - Book One Citazioni e curiosità


Storm Children - Book One Citazioni e curiosità

Citazioni
Curiosità

    Nessuna citazione disponibile per questo film

Registrandoti a Silenzio in Sala potrai aggiungere le citazioni che ricordi e restare sempre aggiornato sulle ultime novità


REGISTRATI

ALTRI CONTENUTI PER QUESTO FILM:


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:



Space Force: la nuova serie Netflix con Steve Carell


Ritorno al cinema: rivedere Titanic, in sala, vent'anni dopo


Ritorno al cinema: storie di lacrime, sorrisi e disincanti in sala


Ritorno al cinema: quando Jurassic Park e Il Signore degli Anelli hanno inventato la meraviglia

  • Lav Diaz ha trascorso ben nove mesi nelle zone colpite dall'uragano.
  • Il film, già presentato in Settembre al DMZ Docs in Korea, è stato anche presentato in Europa all'interno del Copenhagen International Documentary Film Festival. Il film è stato presentato anche al Filmmaker Film Festival 2014.
  • Il regista filippino Lav Diaz è di recente stato il vincitore del Pardo d'oro a Locarno 2014 per il suo ultimo lungometraggio From what is before.
  • Diaz ha dichiarato: "L'impeto per questo lavoro, all'inizio, era l'idea di tempesta nell'animo umano, e non solo nella psiche filippina. Ho iniziato a girare, non preoccupandomi di uno stile o una struttura. Negli ultimi nove mesi ho alloggiato e visitato nelle città e isole colpite dagli alluvioni. Stavo solo documentando ciò che avveniva, cercavo un filo conduttore, cercavo una storia, o la storia. Quando poi mi sono seduto a controllare il girato, mi sono trovato di fronte centinaia e centinaia di immagini che spaziavano dallo straziante al magnifico, dalla depressione alla speranza, dal terrore all'innocenza. Ho capito che dietro alla distruzione e alla disperazione, c'era anche l'immagine del bambino perduto. Perché sono loro, i bambini, le vittime più grandi".
AGGIUNGI CURIOSITÀ
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo