Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus

St. Vincent Recensione


St. Vincent Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Maggie (Melissa McCarthy) è una madre single che si trasferisce a Brooklyn con suo figlio Oliver (Jaeden Lieberher), un timido dodicenne. Costretta a lavorare fino a tardi, la donna assume come “baby sitter” il poco raccomandabile vicino di casa: Vincent (Bill Murray) solitario, bevitore e accanito scommettitore di cavalli.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Sebbene inizialmente riluttante, Vincent accetta, più per necessità che per convinzione, di occuparsi di Oliver. A sorpresa, tra i due nascerà una vera amicizia.

Per pura curiosità, per semplice spirito di fantasia, sarebbe stato interessante immaginare una pellicola come St. Vincent senza Bill Murray. Un film “natalizio” in senso più distributivo che universale, una di quelle pellicole che (almeno in Italia) escono in sala sotto le Feste perché cariche di buoni sentimenti e di accorati insegnamenti. L'amicizia fra un uomo burbero e un tenero ragazzino non sembrava promettere grandi svolte. Forse per questo la sceneggiatura scritta nel 2011 da Theodore Melfi giaceva da quasi quattro anni fra gli script abbandonati sui tavoli dei produttori, in attesa che venisse scelto il giusto protagonista, qualcuno adatto a interpretare Vincent. Un attore che fosse una vecchia guardia di Hollywood, abbastanza noto per il suo spirito misantropo (uguale a quello che la parte richiedeva) ma così apprezzato dal pubblico da risultare adorabile a prescindere.

Per pura curiosità, per semplice spirito di fantasia, sarebbe stato interessante immaginare una pellicola come

Dopo anni di ipotesi – fra le quali si dice sia stato considerato anche Jack Nicholson – la scelta è infine ricaduta su un volto amato da grandi e piccoli negli anni '80/'90 e da coloro che, ancora oggi, sono felici di incontrarlo nelle recenti prove di George Clooney e negli esperimenti di Wes Anderson: Bill Murray c'è. Anche in St.Vincent l'intramontabile attore è presente, istrionico, valore aggiunto della pellicola di Melfi.

Con un budget di “soli” 13 milioni di dollari, Theodore Melfi realizza una commedia di tutto rispetto che, dopo aver appassionato il pubblico di Toronto, è adesso in corsa ai Golden Globe. Se, infatti, il soggetto di partenza pare piuttosto scontato, il personaggio di Vincent non lo è affatto. Perditempo, scommettitore non pentito, frequentatore di una prostituta russa (che ha il volto ironico di Naomi Watts), l'uomo ammorbidisce un po' il suo cuore ma senza esagerare: ciò che fa è soprattutto prendersi cura di un ragazzo involontariamente trascurato da sua madre, impegnata a sopravvivere in una Brooklyn sempre più complicata.

Diversamente da come capitava per Little Miss Marker con Walter Matthau o nell'accattivante About a boy con Hugh Grant, il rapporto trans-generazione fra uomo e bambino conduce stavolta a un cambiamento in entrambi i personaggi: non più la semplice storia di crescita emotiva di un adulto cinico o incapace di maturare, ma una storia di formazione in un ambiente difficile. Vincent è il mentore che guida Oliver – a suo discutibile modo – verso il diventare uomo. Ironizzando in modo irresistibile intorno al tema della santità (utile l'espediente della scuola religiosa frequentata da Oliver, luogo di irresistibili disquisizioni fra cui spicca il colloquio fra Maggie e i sacerdoti/professori di suo figlio), Theodore Melfi dirige un film che si fa beffe del buonismo americano e delle stesse trame hollywoodiane di redenzione del “cattivo” da parte del - per forza bravo - bambino. La santità cui il film fa riferimento è un concetto su cui è il caso di fare umorismo, ma che inevitabilmente finisce per esaltare forme di coraggio che prendono corpo nei sacrifici dei tre protagonisti: un uomo disilluso che torna a fidarsi degli altri, una madre sola, un ragazzo che impara a stare al mondo. Un mondo in cui le tinte nette non hanno ragione di esistere, ben rappresentato da un cast di ottimi attori.

di Aurora Tamigio
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo