Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Luna di fiele Recensione


Luna di fiele Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Nigel (Hugh Grant) e Fiona (Kristin Scott Thomas), una coppia di giovani inglesi, decidono di scongiurare la crisi del settimo anno di matrimonio con una rilassante vacanza in nave che li condurrà da Venezia all'India. Confidano che l'equilibrio del paese orientale possa aiutarli a ritrovare la pace interiore e il baricentro corretto delle loro vite.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3.5/5

Il lineare percorso viene però sconvolto dall'incontro con il paralitico Oscar (Peter Coyote), la sua seducente e triste moglie Mimì (Emmanuelle Seigner) e la loro scabrosa, disgraziata storia d'amore.

Non sorprende che Luna di Fiele sia uno dei film meno considerati della carriera di Roman Polanski. Gli anni Novanta sono un periodo fruttuoso ma sicuramente travagliato per il regista, costretto a ricostruirsi uno stile cinematografico lontano dal genere horror d'autore che ne ha decretato il successo internazionale e - involontariamente - costituito una causa della sua tragedia personale. Già coinvolto nella notissima vicenda giudiziaria che lo costringe a un lungo esilio forzato dagli Stati Uniti, Polanski si rifugia in Europa. Paradossalmente, pur trattandosi di un film minore, Luna di Fiele rappresenta il primo tentativo riuscito di avvicinarsi nuovamente al cinema d'arte delle origini. Il romanzo di Pascal Bruckner offre fecondissimo materiale per il recupero di uno dei temi principali del regista: gli aspetti depravati della sessualità umana.

Ad oggi, la pellicola del 1992 assume un nuovo senso in relazione al recentissimo Venere in Pelliccia, non solo per la presenza della femme fatale Emmanuelle Seigner (prima Mimì e poi Wanda), ma anche e soprattutto per l'evoluzione del tema del masochismo amoroso. Quasi come se il sentimento fosse un'entità così potente ed estrema da diventare l'elemento distruttivo per antonomasia, sia quando si rinuncia alla componente erotica della propria personalità - come già era accaduto nel precedente Repulsion - sia quando la si accoglie totalmente, come Oscar e Mimì.

Gli anni Novanta sono un periodo fruttuoso ma sicuramente travagliato per il regista, costretto a ricostruirsi uno stile cinematografico lontano dal genere horror d'autore che ne ha decretato il successo internazionale e - involontariamente - costituito una causa della sua tragedia personale

Tra queste due polarità si smarriscono Nigel e Fiona, coppia di pudici inglesi, costretti a reprimere il proprio disgusto nei confronti dei libertini e assolutamente scandalosi coniugi parigini per scoprire il sottile piacere del voyerismo e dell'autentico desiderio sessuale. Polanski rappresenta la sconcertante disintegrazione dell'Io e l'umiliazione, da accettare per continuare un gioco amaro e inspiegabile. L'uomo e la donna sono padroni e vittime a fasi alterne dello stesso processo. Fondamentale osseravare come, diversamente da Venere in Pelliccia, Polanski attribuisca al femmineo le redini del potere.

Le Baccanti vincono sulla crudeltà maschile e Wanda prosegue - ancora dopo vent'anni - la danza castigatrice di Mimì, cui l'uomo può solo assistere inerme. Se il personaggio di Emmanuelle Seigner trionfa sul tempo e sull'oblio, Nigel e Fiona vengono sostituiti dallo spettatore stesso, osservatore inerme per antonomasia: sta proprio a lui individuare in Luna di Fiele la radice di una concezione grandiosa e stravolgente dell'Eros e dell'eterna battaglia tra i sessi.

di Giulia Colella
Sei d'accordo con questa recensione?
No
32 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo