Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

All'inizio c'è stato Wilson Yip con il suo dittico Ip Man, un classico del cinema marziale interpretato a Donnie Yen. Poi l'action di Herman Yau: minor filosofia, ma buon ritmo.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 3/5

Infine, nel 2013, Kar Wai Wong ne ha fatto una splendida prova poetica con The Grandmaster. Il personaggio di Ip Man, leggenda del wing chun e mentore di Bruce Lee, da anni ormai incanta gli autori orientali che lo hanno eletto eroe di questi tempi e di quelli che furono. Dopo Ip Man: The Legend is born, Herman Yau torna alla guida di un altro progetto che ha per protagonista il maestro: Ip Man: The Legend is Born, uscito nelle sale di Hong Kong nel 2013.

Nei panni di Ip Man stavolta c'è Anthony Wong, star di Infernal Affairs. Il protagonista stavolta non è più un aitante combattente, ma un uomo più anziano, vedovo, che ha aperto una scuola di wing-chun e cerca ormai solo tranquillità. Dopo il combattente e la leggenda, Ip Man viene rappresentato come un vero maestro: colui che ha dato la forza - letteralmente - ai lavoratori cinesi di difendersi; una figura affascinante, intrisa di filosofia orientale, alla quale Wong dà il giusto carisma e Yau l'azione necessaria. Va detto che l'aspetto meno riuscito del film non è tanto il contorno di indagine politica, o il ritratto coloniale - per quello l'inarrivabile primo film di Wilson Yip ha compiuto l'impresa - ma, come già dimostrato in Ip Man: The Legend is Born, la mediazione fra l'umanità e l'eroismo del protagonista.

Dopo , [Herman Yau] torna alla guida di un altro progetto che ha per protagonista il maestro: , uscito nelle sale di Hong Kong nel 2013

A Herman Yau interessano le passioni dell'uomo che Ip Man è stato: il dissidio dietro a ogni spettacolare corpo a corpo, la solitudine, i sentimenti per una donna più giovane e bella. La sua intenzione di regista è costruire un'azione che piaccia a un pubblico vasto, ma racconti una storia importante. E dove le intenzioni mancano - siamo ancora lontani dalla profondità di Yip - sopperiscono gli scontri marziali, che anche stavolta non deludono e, anzi, riescono persino ad arricchirsi di qualche novità coreografica. Nel cast, a fianco di Wong, c'è Eric Tsang, anche lui già visto in Infernal Affairs.

Yau, che aveva diretto il più action fra i capitoli della saga, non si smentisce e delinea un film dal ritmo intenso che non manca di approfondire il suo celebre protagonista e corregge le ingenuità di Ip Man: The Legend is Born. Un sequel ben fatto.

di Aurora Tamigio
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo