Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

La tavola del faraone, che ogni notte regala la vita ai personaggi del Museo di Storia Naturale di New York, ha un problema: si sta ricoprendo di uno strano alone verde e le conseguenze non tardano a farsi sentire. Le statue animate, infatti, stanno diventando sempre più ingestibili e sembrano aver perso il lume della ragione.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 2/5

La soluzione è una sola: caricare la tavola su un aereo verso Londra, per raggiungere il faraone Merenkahdre (Ben Kingsley), che conosce ogni segreto del prezioso amuleto. Al viaggio, però, si aggiungono anche Teddy Roosevelt (Robin Williams), Jedediah (Owen Wilson), Octavius (Steve Coogan), Attila (Patrick Gallagher), l’indiana Shepseheret (Anjali Jay) e la dispettosa scimmietta Dexter. Scoperto al British Museum come risolvere il problema, però, il gruppo è obbligato a mettersi sulle tracce della tavoletta, rubata da Sir Lancillotto (Dan Stevens), che l’ha identificata come il Sacro Graal. Le difficoltà sono molte, cui si aggiunge anche il rapporto non sempre facile tra Larry (Ben Stiller) e il figlio, ormai cresciuto.

L’ultimo capitolo della fortunata saga prodotta da Chris Columbus non delude i fan. Ideato come degna conclusione della favola ambientata nei musei americani, da New York a Washington, la storia si sposta stavolta oltreoceano coinvolgendo “gli abitanti” del British Museum in una corsa contro il tempo e contro la pericolosa muffa che logora la magica tavoletta di Ahkmenrah. Colpa del brand ma anche della contestuale scomparsa di due interpreti d’eccezione, Mickey Rooney e Robin Williams, Notte al museo 3: Il segreto del Faraone ha finito per suscitare nel pubblico eccessive aspettative, rivelandosi una pellicola non pronta e non concepita per avere tanto risalto. L’ultima puntata di una serialità ingenua e genuinamente divertente, che ripropone senza troppe ambizioni i personaggi conosciuti e amati nel corso dei lungometraggi precedenti.

Scoperto al British Museum come risolvere il problema, però, il gruppo è obbligato a mettersi sulle tracce della tavoletta, rubata da Sir Lancillotto ([Dan Stevens]), che l’ha identificata come il Sacro Graal

Da Ben Kingsley, nei panni del faraone Merenkahdre, a Hugh Jackman (che interpreta sé stesso e strizza l’occhio a Wolverine) e Dick Van Dyke, i cammei - imperdibili - sono numerosi e divertenti: una vera sfida a ricercare fra le tante maschere il proprio idolo. Nel caso di Mickey Rooney e Robin Williams (cui è dedicato uno struggente epitaffio alla fine del film) le due ultime apparizioni - all’origine, comiche - assumono un tono decisamente commovente. Il congedo di Teddy Roosevelt è probabilmente più di ogni altro aspetto ciò che fa di Notte al museo 3 una sorta di cult, nel suo genere.

Nonostante non manchino sequenze riuscite e originali - come quella ambientata nella celebre litografia di M.C.

Escher "Relativity", in cui i personaggi si inseguono su rampe di scale prive di senso e direzione - il film di Shawn Levy non risulta un’opera del tutto riuscita. La trama, invece di mostrarsi forte e compatta dei numerosi comprimari che danno vita a episodiche gag e situazioni comiche, manca del (solito) conflitto generato dalla lotta contro il tempo; l’intreccio, forse troppo intinto di buoni sentimenti, si scioglie presto nella redenzione dei “cattivi”, facendo del bellimbusto Lancillotto un’apparizione irrilevante. La sensazione è quella di una pellicola conclusiva che offre la possibilità al pubblico di salutare i propri beniamini attraverso sketch, seppure ben riusciti, che mancano però di un collante forte tra loro. Il risultato è altalenante: Notte al museo 3 compie l’obiettivo che si era posto, essere l’epilogo di una trilogia, ma rimane l’episodio più superficiale della saga.

di Marta Marchesi
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo