Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

L’anno è il 1965 e una donna (Oprah Winfrey) tenta, per l’ennesima volta, di ottenere il permesso per poter votare. Ann Lee però è nera e come tutti gli abitanti afroamericani di Selma, una piccola cittadina degli Stati Uniti del Sud, non ha diritto al voto.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Marthin Luther King (David Oyelowo), reduce dalla vittoria del Premio Nobel per la pace, si reca a Selma e si scontra con un razzismo che fa ancora della segregazione la sua arma più affilata. Sotto la sua algida guida i cittadini di Selma tenteranno di tirare fuori il proprio coraggio, cercando – per ben tre volte – di attivare una marcia pacifica da Selma a Montgomery, sotto lo sguardo sgomento di un presidente in via di rielezione (Tom Wilkinson) e un governatore che non vuol accettare il progresso (Tim Roth).

Selma - La strada per la libertà di Ava DuVernay racconta una delle pagine più importanti della storia americana in fatto di democrazia: la lotta per convincere il mondo che ogni uomo è stato creato uguale davanti alla legge e che, per questo motivo, tutti hanno diritto al voto. Partendo da questo presupposto, il film si sofferma sulle mille altre ingiustizie che la gente di colore ha dovuto subire nel corso della storia, vivendo nella segregazione come animali nei recinti. Quello di Ava DuVernay è chiaramente un film che funziona molto meglio in patria, in quell’America che ha fatto della democrazia il suo marchio di fabbrica ma che, nelle proprie radici, conserva il ricordo del sangue versato per l'uguaglianza. La regista recupera questa pesante eredità storica e cerca di farne una pellicola onesta, tentando in qualche modo di discostarsi dalla montagna di materiale simile che è stato propinato al cinema per anni e anni. Il risultato, però, non è così soddisfacente come si potrebbe immaginare.

Selma è un film ben confezionato, sorretto da una regia solida, ben consapevole di sé e della storia da raccontare.

Ava DuVernay riesce a cogliere alcuni dei momenti chiave della vicenda, ponendo l’accento su ingiustizie e violenze subite, costruendo un universo diegetico che ben si sposa anche con la partitura musicale di commento.

DuVernay riesce a cogliere alcuni dei momenti chiave della vicenda, ponendo l’accento su ingiustizie e violenze subite, costruendo un universo diegetico che ben si sposa anche con la partitura musicale di commento. Dov’è allora il problema? Proprio per questa sua natura così patinata Selma si mostra da subito come qualcosa di volutamente e forzatamente costruito. Ben presto lo spettatore si trova a vagare in una sorta di dimensione intermedia della fruizione: da una parte il persistente senso di già visto, dall’altra la sensazione di essere tenuto in ostaggio da una regia che, di continuo, sembra esplicitare ciò che deve essere percepito o recepito. Sebbene gli elementi tecnici siano tutti ben oltre la sufficienza e l’empatia nasca nel pubblico senza sforzo, c’è in Selma una sorta di pietismo che viene sollecitato con forza, soprattutto grazie all’utilizzo – a volte eccessivo – di rallenty e primi piani sui volti devastati di uomini e donne che si rialzano dopo l’ennesimo scacco.

Un sentimentalismo che finisce per far apparire il film troppo ordinato e troppo pensato, al punto da relegare il pubblico al di qua di un muro invisibile che ne minaccia la completa immersione in una storia tanto affascinante.

di Erika Pomella
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo