Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Salvatore Giuliano Recensione


Salvatore Giuliano Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Castelvetrano, Sicilia, luglio 1950. Viene trovato il corpo senza vita del bandito Salvatore Giuliano.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 5.0/5
Voto utenti: 3/5

Nessuno sa o ha visto niente. L’unica cosa certa è che uno dei più feroci detrattori dello Stato e del popolo italiano, nonché l’autore dell’orrenda strage di Portella della Ginestra del 1947, è morto e che qualcuno l’ha ammazzato a sangue freddo. La verità giace a terra con la faccia affondata nella polvere, dove nessuno può andarla a scovare. Da quel momento sono solo frammenti di racconto minuscoli, parziali, disordinati che Francesco Rosi osserva con una macchina da presa che diventa quasi un microscopio sociale. Attraverso i continui salti temporali e i relativi flashback che intramezzano la vicenda non viene mai permesso allo spettatore di farsi un’idea chiara e di formulare un giudizio univoco o un’ipotesi razionalmente strutturata sulle questioni proposte. Veniamo semplicemente tenuti troppo vicini per mettere a fuoco.

Proprio questa scelta rende Salvatore Giuliano il film probabilmente più rappresentativo della carriera di Francesco Rosi. Non arriva per primo a raccontare la storia del bandito siciliano perché, aldilà delle numerosissime inchieste giornalistiche in merito, c’era già stato nel 1949 un timidissimo (e francamente mal riuscito) tentativo del regista Aldo Vergano di portare sul grande schermo il difficile tema del brigatismo separatista attraverso il dimenticato film I fuorilegge.

La verità giace a terra con la faccia affondata nella polvere, dove nessuno può andarla a scovare

Poi arriveranno anche l’imbarazzante versione di Michael Cimino dal titolo Il siciliano (1986) e il complottistico j’accuse di Paolo Benvenuti (Segreti di Stato, 2003). Ciò che comunque rende insuperato e forse persino insuperabile il capolavoro di Rosi è la capacità di inventare una canalizzazione estetica che possa esprimere onestamente la conoscenza assolutamente limitata della situazione descritta. La sceneggiatura, scritta dallo stesso Rosi assieme a Suso Cecchi D’Amico, Enzo Provenzale e Franco Solinas restituisce perfettamente l’idea che i personaggi siano a tratti tremendi carnefici e a tratti vittime di un gioco estremamente più grande di loro. Poi c’è la terra di Sicilia con i suoi abitanti, coinvolta nel medesimo meccanismo e quindi costretta a essere oggetto e artefice dei disordini governativi.

I netti contrasti d’ombra e luce che la fotografia di Gianni Di Venanzo raccontano di una profonda ignoranza civile della gente, della sua spaventosa tendenza all’omertà e dell’indifferenza.

Basta già questo lavoro del 1962 per comprendere che il regista de I magliari (1959) è stilisticamente cresciuto, che ha capito che il cinema può essere uno spazio di impegno sociale prima che di giudizio. Solo l’oggettività dell’indagine narrativa può costituire il fondamento di un pensiero. Rosi sa di non poter dare risposte laddove è già tanto difficile porsi le giuste domande. Perché, come scrisse il cronista Tommaso Besozzi a proposito dell’assassinio di Giuliano: “Di sicuro c’è solo che è morto”. Ci saranno anche esperienze più politicamente schierate nella carriera di quest’autore (basta ricordare Le mani sulla città, in tal senso), ma è quella bravura nel dirigere vere e proprie inchieste cinematografiche a fare di Rosi un maestro inimitabile. Restiamo ancora basiti e sconcertati davanti alle deduzioni che siamo costretti a trarre dalla visione del finale de Il caso Mattei (1972) con lo straordinario Gian Maria Volontè. Salvatore Giuliano - che vinse l’Orso d’Argento a Berlino dopo essere stato rifiutato a Venezia - apre la strada a tutti quei film scomodi, ma necessari perché nati sotto il segno della responsabilità civile.

di Giulia Colella
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


Dragon Ball Super: Broly

€1.667.054
Green Book

€1.084.075
Domani è un altro giorno
€706.326
Ancora auguri per la tua morte
€553.932
10 giorni senza mamma

€551.831
REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo