Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Cinquanta sfumature di grigio non è il primo romanzo a essere trasposto cinematograficamente ma l'opera di E. L.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.0/5
Voto utenti: 2/5

James, i cui diritti sono stati venduti in oltre cinquanta paesi, complice il passaparola, ha suscitato clamore e curiosità, diventando un campione di incassi al botteghino. La descrizione della relazione erotica di tipo sado-masochistico (in gergo BDSM) che lega Anastasia a Mr. Grey ha conquistato prima i lettori e ora gli spettatori. Le donne sposano i bravi ragazzi, ma vogliono essere sedotte da quelli cattivi. Questo viene da pensare vedendo le code interminabili al cinema per la prima del film diretto da Sam Taylor-Wood. Cinquanta sfumature di grigio non è solo un fenomeno culturale, ma potrebbe essere altresì studiato come caso sociologico e di costume.

Anastasia Steele (Dakota Johnson) è una laureanda in letteratura inglese che conosce per una fortuita coincidenza il miliardario Christian Grey (Jamie Dornan): quando la sua migliore amica Kate si ammala, ad Anastasia viene chiesto di sostituirla per intervistare il seducente Grey, giovane rampollo dell’alta società divenuto miliardario all’età di soli ventisette anni. Anastasia non sa cosa l’attende dopo quel primo incontro.

Grey ha conquistato prima i lettori e ora gli spettatori



Perfino nelle favole di Fedro la morale si trova sempre alla fine. Immaginare la protagonista come l’agnello della famosa fiaba è facile: la preda di un lupo in attesa di possedere per sé soltanto la sua vittima. Anastasia è vergine, non ha mai amato nessun uomo e nessun uomo l’ha mai amata. Sarà nelle mani del bel tenebroso e accattivante Mr.

Grey che scoprirà non solo i suoi limiti, ma farà luce anche su quelli del suo partner. In amore i ruoli fissi non esistono e anche il carnefice - a volte - può essere vittima, fuggire o lasciare andare la parte migliore di sè. Christian e Anastasia sono due ragazzi provenienti da mondi diametralmente opposti: lui è ricco, arrogante, superbo; lei è schiva e ingenua. Si riconoscono simili eppure diversi già dal primo sguardo ed è il desiderio la lingua che permette loro di esprimersi senza parlare. «La parola è una potente signora che, pur dotata di un corpo piccolissimo e invisibile, compie le opere più divine», scriveva Gorgia nella seconda metà del V secolo a.c.

Nel film la sceneggiatura di Kelly Marcel non brilla per ritmo, intensità e contenuto: se ne riconoscono i sofismi di una corrente commerciale, il cui obiettivo è essere fruibile da tutti, a scapito di una profondità di cui si avverte l’assenza. Specialmente, se confrontata con una pellicola dai toni molto più forti, ma estremamente concettuale, come Nymphomaniac di Lars Von Trier. I protagonisti comunicano attraverso mugolii, sguardi, frasi appena accennate, muscoli e labbra turgide. Il corpo comunica il corpo: è il prevalere del linguaggio non verbale su quello verbale che consente a Christian di interpretare i gesti di Anastasia, anticipandone l'interpretazione prima di qualsiasi spiegazione e appagandone fisicamente le aspettative. Il corpo soddisfa il corpo. Tutto si fa materia: i bolidi parcheggiati in casa, il lusso sfrenato, il velivolo di proprietà della Grey Corporation. Fatta eccezione per le musiche di Danny Elfman, visivamente Cinquanta sfumature di grigio è un tripudio di ostentazione e di bello. Gli antichi greci - e non solo loro - avrebbero avuto da ridire: bello sì, ma in un mondo patinato e finto in cui manca il Giusto, inteso come sinonimo di proporzione e di misura.

di Antonella Sugameli
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo