Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

«Le piacciono i film di spionaggio, Mr Deville?», «Oggigiorno sono tutti un po’ troppo seri per i miei gusti». E allora ci pensa Matthew Vaughn (regista di X-Men - L'inizio) a riportare un po’ di leggerezza al genere.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Molta leggerezza. Quella che serve a vedere con il sorriso centinaia di teste che esplodono in coloratissime scintille. Basta sedersi comodi e divertirsi a riconoscere la sfilza di citazioni dei classici del genere, senza prendere il film troppo sul serio e senza sperare di andare oltre l’accenno di un sorriso.

Mettete insieme il James Bond dell’ultimo Sean Connery o di Roger Moore, quello un po’ più ironico e inverosimile, una trama alla Men In Black e una manciata di pestaggi e stragi in stile Tarantino-Rodriguez. L’elegante Colin Firth è uno dei super-agenti della Kingsman, agenzia di Servizi Segreti indipendente e internazionale, fondata da un gruppo di ricconi che non si fidano delle amministrazioni pubbliche, le quali finirebbero sempre per essere corrotte: nascosti nelle segrete di un sarto londinese, i Kingsman usano come nomi in codice quelli dei cavalieri della tavola rotonda. Alla morte di Lancillotto, Galahad (Colin Firth) è incaricato da Artù (Michael Caine) di reclutare un sostituto e si rivolge al figlio di un ex-candidato Kingsman morto per un suo errore. Il giovane Eggsy (che ricorda per certi versi il Will Smith di Men In Black, ma è senza dubbio meno simpatico) è molto promettente ma anche grezzo, indisciplinato e senza educazione, se non quella della strada. Superate le varie prove del reclutamento contro gli arroganti sfidanti figli di papà, Eggsy dovrà affrontare il miliardario Valentine (Samuel L.

Basta sedersi comodi e divertirsi a riconoscere la sfilza di citazioni dei classici del genere, senza prendere il film troppo sul serio e senza sperare di andare oltre l’accenno di un sorriso.

Jackson) e il suo piano segretissimo che riguarda apocalittici problemi climatici, dispositivi internet che alterano i livelli d’aggressività e un nascondiglio per gli uomini più ricchi e potenti del pianeta.

In una pellicola in cui tutto è volutamente prevedibile, gli unici shock sono gli slittamenti da un registro a un altro: dalla parodia di una scena da film di spionaggio anni ’60 sul valore di un whisky all’improvviso intervento del personaggio mancante di Kill Bill, una ragazza con due lame come protesi al posto delle gambe. E così quando si pensa di sapere come andrà a finire ci si sente rispondere da uno dei personaggi «Questo non è quel tipo di film». I continui salti da un genere all’altro fanno sì che la trama non coinvolga lo spettatore mai fino in fondo, che le battute non facciano davvero ridere e che i personaggi abbiano la profondità dei pannelli in cartongesso di un set cinematografico. Non si segue il film per sapere cosa faranno i personaggi ma per vedere come si giocherà con i cliché, di volta in volta seguendoli, mettendoli in ridicolo o disattendendoli.

Matthew Vaughn si sente libero così di affiancare a una trama da bambini scelte politicamente scorrettissime (già si è aperto il dibattito sullo scoppiettante finale con la principessa di Svezia) che, se non aiutano a immedesimarsi nei personaggi, permettono però di imparare a prendere meno sul serio il cinema di spionaggio, il cinema in generale e anche il senso di quelle due ore che passiamo in sala.

di Francesco Restuccia
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo