Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Scritto e diretto da Brad Bird, con l’appoggio dello sceneggiatore e produttore Damon Lindelof, Tomorrowland è un film che prende il nome da una specifica area dei parchi a tema Disney. Il sogno di un futuro migliore, che rischia di trasformarsi in un incubo.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.0/5
Voto utenti: 3/5

Raccontare con ordine le premesse di Tomorrowland, pur non trattandosi di un film complicato, richiede un po’ di salti avanti e indietro nel tempo. Nel 1952 un giovanissimo inventore di nome Frank Walker (Thomas Robinson/George Clooney) viene coinvolto in un progetto visionario: la creazione di una nuova società, un’utopia che ha tanto a che spartire con La Repubblica di Platone e con i suoi epigoni. Un mondo ideale in cui scienziati e sognatori sono liberi di dare forma alle proprie fantasie, plasmando il futuro. A coinvolgerlo nel progetto è una bambina, Athena (Raffey Cassidy), la cui missione è selezionare le persone più creative e fuori dagli schemi. A questo compito continua a dedicarsi anche ai giorni nostri, scegliendo fra tanti la giovane Casey Newton (Britt Robertson). Il suo destino, però, è ben diverso da quello un tempo affidato a Frank: se il ragazzo era stato chiamato a costruire un futuro migliore, la fanciulla dovrà cercare invece di salvare la Terra da una fine che sembra ormai segnata.

Tomorrowland è un film che sulla carta aveva molti punti di forza: un setting visionario con scenografie splendide, effetti speciali (non tutti dello stesso livello, ma mediamente molto validi), una serie di temi di riferimento attuali e importanti: ecologia, rispetto dell’ambiente e della vita, prospettive di un futuro migliore e più equo. Eppure ogni buona intenzione si perde in una scrittura - e in una conseguente messa in scena - che sembra il frutto di una stereotipizzazione di Disney, a opera di un reparto marketing plenipotenziario.

Un mondo ideale in cui scienziati e sognatori sono liberi di dare forma alle proprie fantasie, plasmando il futuro

Quello che poteva essere un film per tutti, ricco di importanti spunti e carico di valori universali (sempreverdi nella loro banalità) diventa una narrazione per bambini la cui superficialità, prevedibilità e verbosità annulla buona parte del bel lavoro fatto per la contestualizzazione estetica delle avventure di Frank e Casey. Per un pubblico non di primissimo pelo è difficile goderne. La sensazione è di essere presi eccessivamente per mano: non c’è passaggio del film che non sia ampiamente spiegato, anche in assenza di necessità, rendendo estenuante l’arrivo al cuore della storia e alla soluzione di un problema che solo Casey può risolvere. Anche la scelta di George Clooney non risulta particolarmente felice: il suo personaggio richiama alla memoria in modo prepotente quel tipo di sognatore ingenuo e disincantato che eravamo soliti associare al volto buono di Robin Williams.

Nonostante la nostalgia del compianto attore sia molta, sarebbe stato opportuno cercare un’alternativa dal physique du role più adatto. Complessivamente, a meno di non avere figli aspiranti inventori, da indirizzare sulla retta via alimentandone i sogni con un buonismo ipertrofico, Tomorrowland rischia l'effetto di una pubblicità progresso dall’alto contenuto glicerico.

di Roberto Semprebene
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo