Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

The Lobster Recensione


The Lobster Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

In un futuro distopico, David (Colin Farrell) viene abbandonato dalla moglie e trasferito in uno speciale hotel, dove entro quarantacinque giorni dovrà trovare una nuova compagna o sarà trasformato in un animale. Dopo il successo internazionale di Dogtooth, premiato nel 2009 a Cannes nella sezione Un Certain Regard, e di Alps, vincitore del premio alla sceneggiatura a Venezia nel 2011, il regista greco Yorgos Lanthimos si riconferma animale da Festival: tornato a Cannes 68 in concorso, si è aggiudicato il Premio della Giuria con The Lobster, suo quarto lungometraggio e primo in lingua inglese con un cast internazionale.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.0/5
Voto utenti: 3/5



Il cinema di Lanthimos è capace di affascinare e spiazzare (almeno le giurie dei Festival), portando avanti un'idea di mondo distorta e grottesca sia nella narrazione sia nello stile, che segue il mood della nuova onda greca cinematografica. Tra essenzialità di movimento, camera fissa e occhio e tono glaciale, con The Lobster, Lanthimos porta avanti un discorso sulle storture del contemporaneo attraverso il sempre abbondante uso del potere metaforico: in Dogtooth era il linguaggio a essere alieno, non trovando mai accordo tra significato e significante; in Alps il corpo e l'identità stessa venivano compromessi, falsificati perché simulati. In The Lobster si affronta il tema dei rapporti umani e di coppia, in una sorta di versione abbruttita del nostro presente o del prossimo futuro. Non c'è spazio per i single e chi è stato lasciato deve alloggiare in un hotel, dove in quarantacinque giorni troverà una compagna compatibile. Se la missione non riesce, il soggetto verrà trasformato in un animale a sua scelta. Ovviamente la trama da fantascienza grottesca è quasi un pretesto per ragionare sul senso dei rapporti. Così The Lobster si muove sulla tematica del bisogno dell'altro, sulla finzione del sentimento e sul duello tra convenienza e amore.

In si affronta il tema dei rapporti umani e di coppia, in una sorta di versione abbruttita del nostro presente o del prossimo futuro

Ma nonostante la suggestione che la storia poteva dare, Lanthimos continua a dimostrarsi un regista con un'assenza di sguardo su ciò che racconta, un autore che vorrebbe dire tutto ma finisce con il lasciare poco. Tra sci-fi e commedia nera, The Lobster non sa mai dove guardare e diventa vittima della costruzione mistificatoria del proprio regista, tra eccessi di cinismo e un occhio chirurgico che - ovviamente -scimmiotta Haneke con un certo malsano gusto per la pornografia dell'immagine. Una freddezza che non serve per inquietare ma che è simbolo del cinema fasullo di Lanthimos, regista celebrato oltre merito. Quest'etica di cinema e quindi di mondo, che punta sempre alla scena teoricamente più pruriginosa, rimane vacua nell'economia dell'opera.

Alla fine The Lobster, film chiuso in se stesso e privo di problematiche, non riesce a dire nulla pur urlando in maniera spropositata, a partire da un tappeto sonoro di rara pomposità.

di Riccardo Tanco
Sei d'accordo con questa recensione?
No
20 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo