Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

The Danish Girl Recensione


The Danish Girl Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Copenaghen d’inizio secolo. Einar Wegener (Eddie Redmayne), pittore danese, vive con complicità il suo rapporto coniugale con Gerda (Alicia Vikander), artista come lui.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Il loro matrimonio è sereno e divertente ma proprio durante uno dei loro abituali giochi di coppia, indossando abiti femminili e impersonando una donna di nome Lili, in Einar si risveglia qualcosa. Lili è la vera identità di Einar? Ruzzolando dallo scherzo al dramma, il protagonista precipita in un sentiero spinoso fatto di depressione, rifiuto della propria vita precedente, psicoanalisi, terapie per curare le sue "perversioni". Solo il dottor Warnekros (Sebastian Koch), primo medico dell’epoca a dedicarsi al caso di uomini con crisi identitarie, riuscirà a lenire le ferite di un calvario senza fine e a dare a Einar un barlume di speranza: ottenere definitivamente un corpo femminile.

Lili Elbe è una sensazione, uno stato d’animo, la dolcezza e la malinconia. La percepiamo sullo schermo dalla meravigliosa interpretazione di Eddie Redmayne, che ancora una volta mostra le sue doti di attore versatile e capace. Basta poco, ad esempio un paio di calze leggere, e quella che indiscutibilmente ognuno di noi riconosce come femminilità fa capolino all’interno della pellicola. Il soggetto è tratto dal romanzo omonimo di David Ebershoff, e racconta la storia del primo intervento chirurgico per mutare genere. Hooper si trova a dover maneggiare di nuovo (dopo Il discorso del re) una storia sui limiti fisici.

Solo il dottor Warnekros ([Sebastian Koch]), primo medico dell’epoca a dedicarsi al caso di uomini con crisi identitarie, riuscirà a lenire le ferite di un calvario senza fine e a dare a Einar un barlume di speranza: ottenere definitivamente un corpo femminile

Ma questa volta abbandona totalmente qualsiasi componente ironica, optando per un registro definitivamente drammatico. Scelta condivisibile: giggioneggiare sul tema sarebbe stato troppo rischioso, finendo per banalizzarlo o andando sopra le righe. La pellicola convince perché sfugge dal sentimentalismo a tutti i costi, dando la giusta dignità a un importante scopo: la felicità e la completezza personale, per ottenere la quale spesso siamo costretti a compiere scelte dolorose.

Il regista mette in scena una trasformazione graduale, senza bruschi colpi di scena.

Questa naturalezza ci porta per mano a vivere la trasformazione, che è già dichiarata a inizio pellicola e che si conclude sul piano fisico solo verso il finale. La messa in scena suggestiva combina dettagli e costumi d’epoca con una fotografia "pittorica", restituendoci un prodotto che convince tutti perché racconta temi complicati sussurrandoli sottovoce. Il doppio corre inevitabile per gran parte della narrazione, fino a un momento preciso in cui non ci sono dubbi: è quella femminilità dimenticata, annichilita in un corpo maschile ad avere la meglio. Certezza che ritroviamo rafforzata in chiave pittorica dal momento che persino sua moglie dipingerà Einar solo come Lili. L’arte, quindi, diventa registro per veicolare significati nascosti ma anche per liberare e provocare lo sguardo bigotto dell’epoca. Convince quasi tutti Tom Hooper, con questo bellissimo racconto - presentato in concorso a Venezia72 - che con sensibilità e delicatezza mantiene il giusto equilibrio degli elementi filmici e ci regala un protagonista da Oscar.

di Valentina Pettinato
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo