Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Anomalisa Recensione


Anomalisa Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Anomalisa è una crasi bellissima, composta da "Lisa", nome della co-protagonista (team leader di un call center timida e complessata) e "anomalia", qualcosa di "non riconducibile al prototipo di una classificazione o al normale svolgimento di determinate funzioni". Benvenuti a Cincinnati, al Fregoli Hotel, gremito di ospiti per la presentazione del libro del famoso motivatore Michael Stone, autore del saggio di successo "How May I Help You Help Them?", che insegna come incrementare la produttività dei customer care.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

L’autore arriva in hotel ma non riesce a trovare pace, ha come un’inquietudine che lo porta a infilare una serie di situazioni patetiche dietro l’altra: tenta l’approccio con una ex che non vede da anni; va alla ricerca di un regalo per il figlio ma finisce in un sexy shop; si ubriaca, rientra in albergo ed è attratto da una voce. Vaga di porta in porta finché non incontra Lisa, sua fan giunta lì proprio per conoscerlo.

Charlie Kaufman, grazie al crowdfunding, porta in concorso al Lido un’opera interessante e libera da vincoli di produzione. Tutto si svolge in poco più di un giorno: assistiamo all’incontro di corpi imperfetti, ma non per questo meno attraenti. I corpi non sono umani, Anomalisa è un film in stop motion. E ne siamo felici perché senza le potenzialità del mezzo questa storia non sarebbe stata la stessa cosa. Si parla di solitudine e di un bisogno ancestrale di empatia, condivisione, che spesso viene sepolto sotto le ceneri della rassegnazione ma che può essere risvegliato con niente. Anomalisa sceglie di rappresentare ciò che di malinconico c’è nel dolore, che può trasformarsi in autolesionismo.

[Charlie Kaufman], grazie al crowdfunding, porta in concorso al Lido un’opera interessante e libera da vincoli di produzione

È un film incentrato sulle maschere, sul viso, così simile a un viso umano. Diversi pupazzi, ma hanno tutti lo stesso volto, replicato all’infinito in una sciarada di copie inquietanti. Non importa il genere, non importa l’età: i tratti somatici, le maschere, sono le stesse. Kaufman ci trascina in una nuova dimensione, che scopriamo quasi subito ma che ci stupisce con effetti speciali.

Non è realtà ma nemmeno finzione: è apologia della diversità e rappresentazione mediatica dell’anaffettività.

Dopo Synecdoche, New York, Kaufman propone un’opera in bilico tra realtà e animazione, sconveniente e a tratti irriverente. Il tempo che passa sui corpi, lascia il suo segno nelle imperfezioni, nel sesso impacciato e riempie questa pellicola di un senso di verità conferendo all’animazione dinamiche nuove, non solo introspettive ma anche spudoratamente sincere. Un realismo fantastico quello di Kaufman, opera di denuncia della massificazione, resa magistrale attraverso la rappresentazione sonora: tutte le voci di donna hanno un timbro maschile, tranne Lisa-Anomalisa. Le patologie psicologiche - la depressione - non costituiscono più un tabù: l’hotel Fregoli, il cui nome ricorda un disturbo mentale, è una dimensione in cui persone identiche, spogliate di una propria identità, transitano una all’interno dell’altra, fino a riconoscere nelle proprie "anomalie" l’unico rimedio per ritrovare definitivamente, forse anche drammaticamente, se stessi.

di Valentina Pettinato
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
starstarstarstarstar

Michael Stone (David Thewlis) è un affermato scrittore e oratore motivazionale che cerca di combattere la solitudine e la tristezza di una vita personale e pubblica che non lo soddisfa. Incapace di reagire, le cose potrebbero cambiare quando l'uomo incontra Lisa (Jennifer Jason Leigh), una donna insicura e fan del lavoro di Michael. Presentato in concorso al 72 ° Festival del cinema di Venezia,

Leggi tutto

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo