Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Woman in Gold Recensione


Woman in Gold Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

"È stato stimato che che oltre 100.000 opere d'arte prese dai nazisti non siano mai ritornate ai legittimi proprietari". Parte da questo dato - tragico nella sua semplicità - uno dei motivi scaturenti la realizzazione di Woman in Gold, film ispirato alla storia vera di Maria Altmann che negli anni '90 ha lottato per oltre un decennio al fine di ritornare in possesso del Ritratto di Adele Bloch-Bauer di Gustav Klimt, un dipinto che ritraeva sua zia, confiscato dai tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Operazione quindi dai tratti pseudo-biografici (seppur con diverse libertà narrative rispetto a quanto realmente accaduto) diretta dallo specialista Simon Curtis, che dopo una lunga gavetta in tv aveva esordito sul grande schermo proprio con Marylyn, ispirato alla vita della grande diva. E, a proposito di dive, la protagonista di questo suo nuovo lavoro è la grande Helen Mirren, affiancata da Ryan Reynolds e da un folto cast di comprimari d'eccezione (Katie Holmes, Jonathan Pryce, Daniel Bruhl e Charles Dance).

Maria Altmann, ormai anziana, presenzia al funerale della sorella. La donna scopre alcune lettere, in possesso della deceduta, che proverebbero come il famoso quadro di Gustav Klimt conosciuto come "La donna in oro", esposto al museo Belvedere di Vienna, sia in realtà legalmente di proprietà della sua famiglia. Maria, austriaca di nascita e costretta a fuggire negli Stati Uniti in seguito all'arrivo dei nazisti, è determinata a rientrare in possesso del dipinto: la donna in esso raffigurato rappresenta infatti l'amata zia Adele, morta in giovane età. Con l'aiuto del giovane avvocato Randol Schoenberg la donna è determinata a lottare con le leggi austriache, anche se questo vorrà dire riaprire vecchie ferite mai del tutto riemarginate.

Una splendida confezione per una storia affascinante in grado di commuovere e mantenere vivo il ricordo dei tragici fatti della seconda guerra mondiale. Woman in Gold è un film che ha tutte le caratteristiche per conquistare il grande pubblico, sia per la forza emozionale sia per una messa in scena che, muovendosi tra passato (numerosi e di una certa lunghezza i flashback della protagonista) e presente, riesce a mantenere coeso il corretto mix di dramma e tensione.

E, a proposito di dive, la protagonista di questo suo nuovo lavoro è la grande [Helen Mirren], affiancata da [Ryan Reynolds] e da un folto cast di comprimari d'eccezione ([Katie Holmes], [Jonathan Pryce], [Daniel Bruhl] e [Charles Dance])

Sembrerebbe tutto perfetto, senza dimenticare le ottime prove dei protagonisti (la Mirren è una certezza, mentre Reynolds è in una delle migliori performance recenti) e dei vari comprimari. Ma l'idillio dorato si sgretola in parte proprio di fronte alla sue esibita ricerca della perfezione stilistica. Simon Curtis costruisce un'operazione formalmente inattaccabile alla quale però manca personalità, così come si evince soprattutto dalle statiche scene processuali, incapaci di trasmettere le giuste vibrazioni che il contesto avrebbe richiesto. Se quindi va dato atto al film di svolgere il suo compito con la corretta precisione, la mancanza di genuinità alla fine si fa sentire, pur non togliendo il piacere di una visione avvincente ma incostante.

di Maurizio Encari
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo