Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

The Walk Recensione


The Walk Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Robert Zemeckis mette in scena il racconto di un sogno trasformato in realtà, l’attuazione dell’audace colpo del funambolo francese Philippe Petit, che nel 1974 compì la storica impresa di tendere un cavo fra le Twin Towers del World Trade Center e percorrerlo senza alcun sistema di sicurezza. The Walk è il racconto della genesi di questo sogno audace, impossibile invero, almeno fino a quando Petit non ha dimostrato il contrario.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Molto si potrebbe dire sull’impresa in sé, per altro mirabilmente raccontata nel documentario di James Marsh, Man on Wire, ma The Walk in realtà fa qualcosa di più e di diverso dal limitarsi a celebrare l’audacia, il coraggio e l’abilità di Petit.

Fin dalle battute iniziali il film acquisisce un respiro di magia e levità, con lo stesso Petit - impersonato dal sempre bravo Joseph Gordon-Levitt – a fare da voce narrante di una favola moderna in cui si mescolano ambizione e sentimenti, predestinazione e caso, destino e volontà. Conosciamo dunque un Philippe bambino che resta incantato dai numeri dei funamboli del circo, tanto da decidere di diventarlo a sua volta. I preziosi consigli del decano di questi artisti (Ben Kingsley), insieme all’amore di Annie (Charlotte Le Bon) e alla complicità di un manipoli di pochi, fidati, amici capitanati da Jean-Louis (Clement Sibomy) porteranno Philippe alla massima espressione di un’arte pericolosa quanto ipnotica e portatrice di un senso estremo di libertà.

Il film ha il tenore di una fiaba e tale levità, evidentemente ricercata da Zemeckis, comporta un andamento molto lineare e privo di veri climax emotivi per tutta la prima parte del film. La percezione è un po’ quella che si ha guardando Il Favoloso Mondo di Amelie: tutto ha un che di magico e dal circo agli artisti di strada, dal rapporto con il maestro/secondo padre all’amore per Annie, Philippe vive in funzione dei suoi sogni. Anche se nel perseguirli può passare per pazzo o egoista, la passione che trasmette contagia personaggi e pubblico. La sospensione emotiva fin qui descritta è però solo il preludio di un’esplosione che coinvolge lo spettatore quando Petit mette in atto il suo piano: già riuscire a piazzare il cavo è un’impresa da cardiopalma ma le sequenze, con il funambolo sospeso a 417,5 metri, nella consapevolezza che la finzione scenica rimanda ad un’impresa realmente compiuta, sono davvero emozionanti. A questa emozione contribuisce una volta tanto il 3D che accompagna la storia e che è correttamente utilizzato per ottenere l’effetto vertigine che la spaventosa altezza degli edifici deve trasmettere.

Conosciamo dunque un Philippe bambino che resta incantato dai numeri dei funamboli del circo, tanto da decidere di diventarlo a sua volta

Le torri stesse sono poi personaggi concreti e primari della storia: ossessione del funambolo, sono il simbolo della conquista di una libertà più mentale che fisica, la capacità dell’uomo di andare oltre i suoi limiti. Una struttura totemica che nella mente di Petit lo chiama all’impresa e ne diviene parte, vive dell’anima che il gesto artistico gli dona e, al pari dell’impresa, rimane per sempre, a prescindere dall’11 settembre e dai suoi spettri.

di Roberto Semprebene
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo