Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Piccoli brividi Recensione


Piccoli brividi Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Zach (Dylan Minnette) è costretto, dopo la morte del padre, a trasferirsi con la madre da New York alla provincia. Nella sperduta cittadina, tuttavia, fa amicizia con Hannah (Odeya Rush), sua vicina di casa, e Champ (Ryan Lee).

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Una sera, dopo aver sentito delle urla provenire da casa di Hannah, Zach decide di indagare: scopre così che il padre della ragazza è R.L. Stine (Jack Black), autore dei romanzi Piccoli brividi. Peccato che questi misteriosi manoscritti siano custoditi in una biblioteca, chiusi con dei lucchetti. Il bello arriva quando Zach, Hannah e Champ decidono di aprirne uno.

Si leggevano in una manciata di ore, sotto le coperte con una torcia o una piccola luce sul comodino. Oppure si portavano a scuola e, durante l'intervallo, si scambiavano quelli già divorati con quelli ancora da sfogliare. I Piccoli Brividi hanno accompagnato le infanzie di molti: piccole perle di horror che instillavano nell'immaginazione di bambini e ragazzi pillole di terrore letterario che non si faceva fatica ad immaginare già sul grande schermo. Per questo sembra incredibile aver dovuto aspettare il 2015 per vedere in sala un film tratto dalla collana per ragazzi di R.L.

Si leggevano in una manciata di ore, sotto le coperte con una torcia o una piccola luce sul comodino. Oppure si portavano a scuola e, durante l'intervallo, si scambiavano quelli già divorati con quelli ancora da sfogliare. I Piccoli Brividi hanno accompagnato le infanzie di molti.

Stine. I romanzi di Stine, infatti, oltre che bestseller mondiali, sono storie piene di ritmo e colpi di scena che visitano tutti i topoi dell'horror: dalla bambola assassina a mostri, zombie e mummie; dalle case infestate alle misteriose sparizioni. Al centro della vicenda c'è sempre un ragazzo o un gruppo di amici, che si perdono sotto la luna piena e vivono una notte di terrore allo stato puro. Nonostante le trame citassero (più o meno espressamente) i classici del brivido – gialli o thriller d'autore - i protagonisti sono sempre teen o pre-adolescenti: l'immedesimazione del giovane lettore è assicurata quindi non solo dalla vicinanza con i personaggi ma anche dal linguaggio semplice, colloquiale, che arriva subito al nocciolo.

Ogni storia su carta, allora, aveva già in sé la struttura perfetta per essere trasposta sullo schermo: i plot points letterari - sempre ingenui e prevedibili, ma non per questo meno avvincenti - diventano colpi di scena; i capitoli si fermano sul più bello generando quella diffusa suspance che accompagna la vicenda filmica, scena dopo scena.

La novità rispetto ad altri film del genere già prodotti - non ufficialmente, ma sicuramente ispirati ai Piccoli Brividi - è che stavolta R.L. Stine fa parte dei protagonisti del film. Autore, guida e personaggio chiave per la comprensione della storia, lo scrittore è interpretato da Jack Black, che risponde ancora una volta alla chiamata del cinema per ragazzi. Nonostante il rischio di una carriera ripetitiva, Piccoli Brividi incorona Black re del teen movie: il suo Stine è un adulto inconsapevole, comico come l'attore sa essere; eppure credibile scrittore, ideatore e custode di un mondo pauroso che attira i ragazzi nel film come nella realtà. Non era facile omaggiare e al contempo fare di Stine un personaggio cinematografico, ma il regista Rob Letterman riesce non solo ad aggiornare una serie degli anni Novanta al gusto dei ragazzi di oggi (complici anche un discreto 3D e buoni effetti speciali) ma anche a costruire – con lo sceneggiatore Darren Lemke e il soggetto di Scott Alexander e Larry Karaszewski - una vicenda che ha dell'originale. Certo, i ragazzi crescono in fretta e ciò che un paio di decenni fa andava bene anche per gli adolescenti adesso è più che altro diretto a un pubblico sotto i tredici anni. Tuttavia riuscirsi a collocare nell'era dell'horror mozzafiato - che non tiene conto del rating nè della giovane età dei suoi spettatori - senza sfigurare e senza risultare troppo ingenui, è un'avventura cinematografica da tenere presente. Chissà se Letterman vorrà cimentarsi anche con un horror per adulti.

di Aurora Tamigio
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo