Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Zoolander 2 Recensione


Zoolander 2 Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Nel 2001 Derek Zoolander aveva dimostrato che un modello “bello, bello in modo assurdo”, anche se del tutto idiota, può essere capace di sventare una congiura e salvare la vita al primo ministro malese solo con la forza della sua espressione vincente. Dopo sedici anni lo stesso modello torna all’attacco: stavolta dovrà vedersela con complotti internazionali e guai ben più seri, che rischiano di mettere in pericolo l’intera industria della moda.

Un folto gruppo di popstar, famose in tutto il mondo e idoli incontrastati del web, vengono uccise in circostanze misteriose.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Tutti gli omicidi hanno una caratteristica comune: le vittime, prima di morire, lasciano ai loro fan un ultimo selfie con occhio languido e labbra arricciate. La divisione fashion dell’interpol, guidata dall’ex modella di costumi da bagno Valentina (Penélope Cruz), decide di indagare e contattare il famoso modello Derek Zoolander (Ben Stiller) celebre per la sua espressione “blue steel” e per aver salvato il mondo quindici anni prima. Ma la vita di Derek da allora è radicalmente cambiata e, tra guai professionali e sciagure familiari, il modello si è ritirato nel New Jersey in solitudine. Solo il desiderio di rivedere il figlio Derek Jr. lo convince a partire per Roma dove, alla sfilata dell’astro nascente del fashion Atari (Kyle Mooney), incontra il vecchio amico/rivale Hansel (Owen Wilson). I due vengono coinvolti da Valentina nelle indagini sulla morte delle popstar, ma si rendono presto conto di essere implicati nuovamente in un complotto internazionale che coinvolge il mondo dell’alta moda e il cattivo di sempre, Mugatu (Will Ferrell) intenzionato a vendicarsi dopo la sconfitta subita.

Dopo la partecipazione dei supermodelli Derek e Hansel alla sfilata parigina di Valentino durante la settimana della moda nel 2015, seguita da annuncio in grande stile, è finalmente arrivato nelle sale l’atteso sequel di Zoolander, ormai diventato un classico del genere. Zoolander 2 è ancora un concentrato di demenzialità allo stato puro: poco più di un’ora e mezzo per raccontare con ironia il mondo del culto superficiale di se stessi e l’ossessione per il bello da copertina.

La divisione fashion dell’interpol, guidata dall’ex modella di costumi da bagno Valentina ([Penélope Cruz]), decide di indagare e contattare il famoso modello Derek Zoolander ([Ben Stiller]) celebre per la sua espressione “blue steel” e per aver salvato il mondo quindici anni prima

Se Ben Stiller e co. erano riusciti quindici anni fa a far ridere costruendo un film "stupido in modo assurdo", zeppo di battute non sense, gag demenziali e situazioni grottesche, con il sequel (anche se gli ingredienti non variano) riescono ancora a divertire e a indagare con beffarda ironia quel mondo del fashion ormai trasformato dai social network, dalle stelle del web e dalle nuove tendenze hipster e rubbish chic.

Una trama sconclusionata e inconcludente, eccessiva e assurda, in cui non mancano un gran numero di rimandi parodici: a partire dall’ambientazione nella Città Eterna - chiaro rimando alle spy story degli ultimi 007 e ai grandi complotti massonici di Dan Brown - che ha permesso a Ben Stiller di arrivare a immaginarsi un segreto biblico che ha a che fare con profezie, con la fonte dell’eterna giovinezza, la massoneria dell’industria della moda e l’uccisione delle postar che proteggono “l’eletto”. Dalla formula originale sono ripresi gli innumerevoli camei e le guest star dal mondo della moda come Anna Wintour, Marc Jacobs, Tommy Hilfiger e - ovviamente - l’intramontabile Valentino; e dal mondo della musica Justin Bieber, Kate Perry e, su tutti, uno Sting a sorpresa. Divertenti anche le partecipazioni in piccoli ruoli di star del cinema: preziosi Keifer Shuterland, amato deluso del biondo Hansel, e Susan Sarandon, che sorprende con un’autocitazione divertentissima.

Zoolander 2 conferma la formula vincente di Ben Stiller: stupido in modo assurdo è sinonimo di divertente in modo assurdo.

di Giovanni Miele
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo