Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Ave, Cesare! Recensione


Ave, Cesare! Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti
Videorecensione

Eddie Mannix (Josh Brolin) a Hollywood è un uomo che risolve i problemi: non c'è starlette capricciosa, regista frivolo o attore in erba di cui lui non sappia occuparsi. Ma quando la star Baird Whitlock (George Clooney) scompare nel nulla, lasciando a metà le riprese di un delicato quanto costoso colossal a tema religioso, per Mannix il lavoro si fa serio.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5



Esiste una cosa a Hollywood che si chiama fixer. Che interviene quando le cose si mettono male. Uno che ha il controllo della situazione, che vede lucido e può sistemare una questione spinosa. Per dirla tarantinamente, “uno che risolve i problemi”. Uno come Eddie Mannix. Uno come i fratelli Coen, da più di trent'anni in grado di aggiustare il cinema. Tra i drammoni gender appena passati dalle sale, gli avventurosi colossal e il ritorno a uno stile classico, ma in qualche modo prevedibile, Ave, Cesare! è un soffio di novità.

Stavolta Joel e Ethan guardano alla loro passione, al lavoro di una vita, a un mondo che conoscono fin troppo bene: scrivono e dirigono allora un film che sembra (di nuovo) una summa dei loro temi, ma così snella e divertente che quasi non ci se ne accorge.

Del resto i Coen non hanno mai smesso di essere originali. Anche quando le storie sono leggere, leggerissime, quasi evanescenti. Anche quando si tratta di un compiaciuto omaggio alla Hollywood 50's.

Stavolta Joel e Ethan guardano alla loro passione, al lavoro di una vita, a un mondo che conoscono fin troppo bene: scrivono e dirigono allora un film che sembra (di nuovo) una summa dei loro temi, ma così snella e divertente che quasi non ci se ne accorge.

Mettono insieme i problemi quotidiani di una Hollywood lontana, che forse sono quelli di sempre, con gli scandali da gestire, i reporter aggressivi e le tensioni artistiche da domare. Al tempo stesso tornano a parlare di Dio, nella finzione del grande colossal in costume ma non solo, riunendo attorno a un tavolo (letteralmente) le principali religioni del mondo in un dibattito decisivo, esilarante e - rispetto alla loro carriera - in qualche modo definitivo. La frase del rabbino "Dio è single e molto arrabbiato" riassume anni di (auto)riflessioni sull'ebraismo, portandosi dietro le risate convinte della sala. E così, tra argomenti enormi e sketch cinematografici, i Coen hanno la migliore idea di sempre per raccontare il comunismo clandestino negli anni Cinquanta a Hollywood: una trovata di sceneggiatura che sembra ancora più geniale a pochi mesi dall'uscita del ritratto cinematografico di Dalton Trumbo. Pur trattandosi di un ritorno alla commedia - più simile a un mix di Barton Fink e Mr. Hula Hoop che al recente lavoro su Fargo - Ave, Cesare! racconta l'inquietudine di ogni uomo che si porta dietro un segreto; l'indeterminatezza di scelte estreme e definitive, che alla fine contano poco in un oscuro disegno complessivo; le incongruenze di una Hollywood ancora adolescente e pure già così compromessa.

Ave, Cesare! è cinema, vero e finto. Anche se non somiglia neanche un po' al drammone messo in scena nella trama, è una pellicola perfetta in ogni parte e per questo un po' vintage. Forse più esile di altri titoli della filmografia dei due registi, ma di certo una delle più geniali. Un film con grandi scenografie (tornano i Capitol Pictures di Barton Fink!), una regia citazionista, ibrida e vivace, accurate scelte musicali e - ovviamente - grandi attori. Un cast reale di stelle replica le star di ieri in un risultato eccezionale. E siccome con i Coen ci si diverte sempre, il gioco è trovare chi interpreta Charlton Heston, chi è nei panni di Esther Williams, quale attore è ispirato a Gene Kelly e quale regista ripropone Vincente Minnelli. Inutile dire che alcune sequenze - il dialogo surreale sul set fra l'attore western Hobie Doyle e l'aristocratico regista Laurence Laurentz; il risveglio a Miami di Baird Whitlock; il musical dei marinai - sono prove d'attore straordinarie e, in qualche caso, come per Channing Tatum, davvero inaspettate. Come mai non tutto il cinema può essere come quello dei Coen? Vorremmo davvero che fosse così semplice.

di Aurora Tamigio
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo