Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Sherlock Recensione stagione 2


Sherlock Recensione stagione 2

Recensione SIlenzio in sala
Recensioni utenti


Mark Gatiss e Steve Moffat tornano con una seconda stagione di Sherlock: stesso stile e regia della precedente, senza tuttavia risultare scontati. La sceneggiatura non riesce a essere banale, grazie agli intrecci narrativi che si susseguono in un ritmo incalzante, allo stile narrativo fluido e mai pesante. È evidente il risultato di un grande lavoro, sia a livello di adattamento delle trame che nella scelta degli interpreti. Si confermano Sherlock e Watson i bravissimi Benedict Cumberbatch e Martin Freeman, in un'alchimia che rende la storia sempre più esaltante: i personaggi vengono sviluppati in modo egregio, grazie a un'indagine psicologica superba; i dialoghi sono sempre più brillanti e la recitazione di tutto il cast è ottima.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 5.0/5
Voto utenti: 3.0/5

Un uomo e il suo cappello
Anche questa stagione, come la precedente, si compone di tre episodi da 90 minuti l'uno: A Scandal In Belgravia, The Hounds of the Baskerville, The Reichenbach Fall. La fine della prima stagione ci aveva lasciati con il fiato sospeso: Sherlock e Watson, sotto tiro da un Moriarty completamente pazzo. La suspence è alle stelle, quando squilla il telefono di Moriarty con una melodia dei Bee-Gees, portando il cattivo di turno a lasciare in nostri due eroi. Tempo dopo, Sherlock - vestito di un solo lenzuolo - viene richiesto da Sua Maestà in persona a risolvere un caso di foto compromettenti della famiglia reale. Colei che detiene le foto è la dominatrice Irina Adler, nome d'arte The Woman. Sherlock, fingendosi uno spaventato prete appena aggredito, riesce a entrare in casa della donna, che si presenta senza vestiti, spiazzando il genio: è la prima volta che Sherlock non riesce a far una deduzione semplicemente osservando la persona davanti a sè. Con Irina vedremo uno Sherlock più umano che possiamo definire, se non innamorato, fisicamente e sessualmente attratto dalla donna che si trova di fronte. Questo lo porterà ad abbassare in alcuni casi la guardia e a esser preso alla sprovvista. È l'unica che riesce a tener testa a Sherlock; l'unica che lui vede come sua pari. Grazie al blog di Watson i due sono ormai delle celebrità e per sfuggire ai paparazzi Sherlock indossa per caso il famoso cappello da cacciatore - ormai simbolo dei film - che diverrà ben presto oggetto del suo fandom.

In questa seconda stagione è evidente la crescente qualità della serie: a ogni puntata si ha già l'acquolina in bocca per quella successiva.

The Mind Palace
Nel secondo episodio in scena è uno dei libri più famosi dell'investigatore: "Il Mastino dei Baskerville". Solo che in questo caso il titolo è al plurale. Nella prima parte dell'episodio si parla di come Sherlock, annoiato dal poco lavoro, cerchi disperatamente sigarette e droga; questa problematica è fedele al romanzo, dal momento che il protagonista fumava in modo assiduo e faceva grande uso di droghe come "esperimenti". In questo caso Baskerville è una base militare segreta dove vengono fatti esperimenti sospetti. Sherlock e Watson sono portati in questo posto della campagna inglese a causa di un ragazzo che ha continue orribili visioni del padre ucciso da un cane gigante nel bosco. Una volta nel bosco anche Sherlock vede questo essere mustruoso: è qualcosa che va oltre al suo ragionamento freddo e razionale e viene terrorizzato da ciò. È la prima volta che lo vediamo spaventato e terrorizzato, senza l'ancora della sua razionalità. In questo episodio Sherlock usa per la prima volta il suo Mind Palace, che viene anche citato nei libri originali: per ricordare tutto, divide la sua mente come un palazzo pieno di stanze dove in ognuna mette un argomento. Il Mind Palace viene egregiamente reso visualmente da varie scritte e immagini che si susseguono davanti agli occhi di Sherlock seguendo il suo contorto e difficile ragionamento.

La crisi
Il terzo episodio è il declino di Sherlock. Moriarty torna a minacciare Sherlock, questa volta riesce in contemporanea a svaligiare la Banca di Londra, ad aprire le carceri di massima sicurezza e a intrufolarsi dentro alla Torre di Londra e a vestirsi con gli abiti regali della regina. Quello che vuole è solo Sherlock. Per mezzo del fratello Microft, Moriarty riesce a ottenere tutte le informazioni che vuole e grazie alla fama ormai acquistata dal detective, a metter in scena il suo declino. Tramite intrighi e bugie riuscirà a far perdere fiducia a tutti quelli che stanno più vicino a Sherlock, facendo credere che sia lui l'assassino di tutti i suoi casi, uno psicopatico che per noia avrebbe fatto quelle stragi, motivo per cui sapeva sempre la verità. L'unico a non perdere mai la fiducia in Sherlock è Watson. Ma il dado è ormai tratto e Moriarty farà cadere Sherlock così in basso che sarà difficile farlo risalire.

Momenti cult

- Sherlock a Buckingam Palace vestito di un solo lenzuolo nella 3x01, Scandalo a Belgravia.
- Sherlock incontra Irene Adler nella 3x01. Solo che lei è completamente nuda.
- Lo shock di Sherlock dopo aver visto il Mastino nella 3x02, The Hounds of the Baskerville.
- Il ricatto di Moriarty nella 3x03, The Reichenbach Fall.

Brainy is the New Sexy
In questa seconda stagione è evidente la crescente qualità della serie. A ogni puntata si ha già l'acquolina in bocca per quella successiva. Nella sceneggiatura si lavora all'adattamento delle trame originali sia a livello psicologico dei personaggi. Vediamo uno Sherlock sempre più umano e debole; è un uomo che si innamora, che si affeziona, che ha paura, che perde fiducia sia in quello in cui ha sempre creduto che in quelli che lo circondano. Moriarty è sempre più spietato: un'insieme di Jocker e Hannibal, una pazzia e un'ossessione che è però ben mixata con una genialità che terrà lo spettatore attaccato allo schermo fino all'ultima puntata. Watson diventa sempre più salvifico per Sherlock che, senza di lui, non riuscirebbe a superare le situazioni peggiori; allo stesso modo Watson sa che Sherlock è indispensabile, un attaccamento che solo un fratello potrebbe avere, o meglio una controparte, un partner e un compagno perfetto.

di Samantha Ruboni
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questa stagione.
Sii il primo.
DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo