Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

L'11 settembre 2012 alcuni ribelli islamici attaccano l'ambasciata statunitense e un rifugio della CIA situati a Benghazi in Libia. Durante l'assalto perdono la vita quattro americani, tra cui l'ambasciatore J.Christopher Stevens.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.0/5
Voto utenti: 3/5

Per evitare ulteriori danni, una squadra speciale dei Navy Seal composta da sei uomini combatte per difendere il rifugio dall'intervento dei ribelli.

Tratto dal libro 13 Hours scritto nel 2014 da Mitchell Zuckoff, a sua volta ispirato alla storia vera del team di sicurezza che aveva protetto l'appostamento americano a Benghazi a seguito degli attacchi terroristici del 11 settembre 2012, 13 Hours: The Secret Soldiers of Benghazi è il dodicesimo film di Michael Bay. Il regista abbandona momentaneamente la saga robotica dei Transformers e torna ad affrontare il dramma bellico a distanza di quindici anni dal film Pearl Harbor. Il cinema di Michael Bay è sempre stato per sua natura ipertrofico ed eccessivo: letteralmente, le sue sono opere che abbattono i muri e rilanciano continuamente il mezzo cinematografico in termini di grandezza scenica. Fare un film è sempre una prova di forza. Bay è un regista quasi sempre fuori controllo, che desidera che le sue immagini contengano tutto e più di tutto, condite da un'estetica anch'essa esageratamente abbagliante nelle tonalità. Pur non avendo la megalomania visiva e spettacolare della saga di Transformers, questo 13 Hours: The Secret Soldiers of Benghazi riconferma Michael Bay come un autore dall'approccio alla materia sempre pesante e aggressivo, dall'indubbia capacità tecnica nel gestire le sequenze più complesse ma che, proprio per questa sua struttura così netta e probabilmente non modificabile, tende a dividere.

Tratto dal libro <13 Hours> scritto nel 2014 da [Mitchell Zuckoff], a sua volta ispirato alla storia vera del team di sicurezza che aveva protetto l'appostamento americano a Benghazi a seguito degli attacchi terroristici del 11 settembre 2012, <13 Hours: The Secret Soldiers of Benghazi> è il dodicesimo film di [Michael Bay]



Se lo stile di Bay rimane quello conosciuto, puntando anche in questo caso alla saturazione dell'immagine e sulla potenza visiva come esperienza per lo spettatore, 13 Hours non riesce a uscire dai binari un po' ovvi del dramma di, guerra manicheo e retorico, esplorando con sguardo assente tutti i cliché del genere: dall'orrore ai traumi che provocano il conflitto, fino al coraggio mostrato e celebrato dai protagonisti. E la sceneggiatura scritta da Chuck Hogan pare guardare più che a un film come The Hurt Locker, o al più recente American Sniper di Clint Eastwood, guardando quasi alla stessa maniera il dolore e il cambiamento che la guerra porta a chi è costretto a viverla. Anche l'intuizione più felice del film, quella di cavalcare la stretta attualità con un immaginario da terrorismo globale e nuovi conflitti, riflettendo sull'impossibilità di identificare i propri nemici dagli alleati resta in superficie e poco accennata. Perché l'impressione è che 13 Hours non sappia andare oltre il noto, non voler raccontare altro rispetto a ciò che mostra.

Come una celebrazione ben mascherata, ma anche superficiale dramma sull'insensatezza della guerra.

di Riccardo Tanco
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo