LOGIN
cerca
Ricerca avanzata
Profilo
Messaggi

Logout
Film Serie TV
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Lady Vendetta Recensione


Lady Vendetta Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Geum Ja è una studentessa che, a vent’anni, viene accusata di aver strangolato un bambino e finisce in carcere. Dopo tredici anni di reclusione, la ragazza attuerà un piano per vendicarsi del vero assassino.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3.0/5



È a una donna che spetta il difficile compito di porre fine al cerchio della violenza e della trilogia che Park Chan-wook dedica a essa. Attraverso piani temporali che s’intersecano senza sosta e che fanno di Lady Vendetta una straordinaria opera pop - l’intreccio di stili, il montaggio schizofrenico, l’eccezionale molteplicità di location non possono non ricordare il meraviglioso mosaico di Old Boy - il noir più grottesco di Chan-Wook porta sullo schermo l’amaro viaggio di Geum-ja, un angelo bianco che deve scontare una pena per giungere alla salvezza. Ma il racconto, pur balzando a ritroso per rivelare una verità, non vuole tratteggiare l’andamento complessivo del percorso che la protagonista compie, perché s’incastra in un solco che rende impossibile, a Geum Ja, il raggiungimento del proprio scopo. Ed è l’espiazione quell’ostacolo invalicabile, nonché tema portante (perché la vendetta, come nei precedenti due film della trilogia, si fa pretesto per narrare altro) su cui s’impernia Lady Vendetta. Il tema della vendetta, è chiaro, solleva una domanda primitiva: non è forse il vendicatore stesso un efferato omicida? E, allora, qual è il senso della vendetta?

La soluzione sembra risolversi in un’ambivalenza che caratterizza tanto il piano estetico del film di Chan-Wook quanto quello diegetico. E, tra corpi che si sdoppiano e si specchiano in oggetti in grado di farlo,Lady Vendetta è infatti un film in divenire, in costante metamorfosi: come l’angelo peccatore diviene demone salvatore, il cambiamento si avverte persino nella scelta cromatica - il film sostituisce i suoi colori che, da tonalità pastello, vengono tramutati in tinte livide e fredde – e nella narrazione stessa, che man mano si distanzia dai personaggi-macchietta che affollavano i luoghi e focalizza il proprio sguardo sempre più sulla donna, sola: e questo progressivo avvicinamento raggiunge il proprio picco quando s’indugia a lungo sul suo primissimo piano sotto la neve che cade, immagine di straordinaria forza evocativa (è qui palese, così come nel tema della reclusione, il contatto con la scena finale di Old Boy).

L’evidente cambiamento di tono di Lady Vendetta si avverte, più che mai, quando l’amaro ritratto di criminali come star in posa davanti ai fotografi lascia posto a un meno cinico, ma ben più doloroso, scenario di giustizia privata nella cupa aula di una scuola elementare.

Tra corpi che si sdoppiano e si specchiano in oggetti in grado di farlo, Lady Vendetta è un film in divenire, in costante metamorfosi.

Il passaggio da un polo all’altro è evidente, quindi. Tuttavia, quella di Lady Vendetta non è più una violenza solo intima (Old Boy), né più centripeta (Mr.Vendetta). Pur rimanendo il mezzo necessario e unico per il conseguimento di uno scopo personale, stavolta la violenza è bipartita: è, da una parte, una piaga che in vasta scala affligge l’umanità; dall’altra, si tramuta nel dolore burrascoso della donna, che porta la croce di tutti i peccati del mondo per giungere all’espugnazione del suo miasma personale, e fa gravare su di sé le tremende colpe di altri. Quella di Park Chan-Wook, allora, è un’ode al dolore di rarefatta bellezza, che costruisce tutta la sua forza sulla potenza del doppio e delle ripetizioni: Geum-Ja ha consumato il corpo nero dell’assassino seduta ad un tavolo con tutti gli altri aguzzini e ha soddisfatto la propria oscura sete di rivalsa, ma adesso può finalmente alzare lo sguardo al cielo e coprirsi del colore della redenzione: bianco.

di Federica Cremonini
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

Effettua il login

Username
Password


RegistratiPassword dimenticata
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo