Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Les Beaux Jours d’Aranjuez, presentato in concorso alla 73ª Mostra di Venezia, è l’ultima pellicola nata dalla consolidata collaborazione tra Wim Wenders e Peter Handke: un particolare viaggio in 3D fatto di ricordi e nostalgia. Una pellicola difficile, almeno nella fruizione, che costringe lo spettatore a prendere confidenza con la messa in scena solo dopo un po’, spiazzato da un dialogo immaginato da un autore e personificato allo stesso tempo dai suoi due protagonisti, sulla scena.

Tratto dall’opera dello stesso Handke, il film è una performance teatrale che ha il suo palcoscenico in un giardino, e nulla di più.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.0/5
Voto utenti: 3/5

Ci troviamo infatti immersi in uno stato d’animo, che oscilla tra passato e presente, dove un uomo e una donna si fanno domande sul sesso, sull’amore e i sentimenti, pescando le risposte in un passato nostalgico e definitivo. Wenders non nasconde la finzione, mostrando l’autore che crea battendo i tasti della sua macchina da scrivere i suoi personaggi, ma riesce a caricare la pellicola di realtà. Riducendo infatti il lasso di tempo che intercorre tra la scrittura e le performance dei suoi protagonisti ci troviamo di fronte a un piccolo paradosso, affascinante e inquietante allo stesso tempo.

Un uomo, dicevamo, una donna e una mela: palese metafora del primo uomo, della prima donna, di un ‘peccato’ che sia peccato, e di un Creatore, dietro di loro, che li guida in silenzio. Con Les Beaux Jours d’Aranjuez, assistiamo a un lungo dialogo che contrappone quasi il femminile al maschile. Una conversazione intima, collocata in un paesaggio affrescato con pennellate placide che infondono quiete. E poi una casa, dietro quel giardino, in cui l’autore si nasconde mostrandosi, con incredibili non sense. Indubbiamente una pellicola affascinante, impreziosita dalle performance degli attori - Reda Kateb, Sophie e Jens Harzer (più un cameo del cantautore Nick Cave e dello stesso Peter Handke), questa coproduzione franco-tedesca, ma che paga lo scotto di essere davvero poco fruibile.

Wenders non nasconde la finzione, mostrando l’autore che crea battendo i tasti della sua macchina da scrivere i suoi personaggi, ma riesce a caricare la pellicola di realtà

Se non possiamo non lodarne gli aspetti estetici, la fotografia e la ricerca metaforica, dall’altro lato, è inutile dirlo, i pochi elementi scenici contrapposti a dialoghi lunghi ed ermetici non riescono a dare ritmo alla narrazione, penalizzata da una rappresentazione statica e monocorde. Manca un certo livello di tensione che permetta di arrivare meno stanchi alla fine quando, tutto in questa operazione maieutica si riempie, improvvisamente, di senso.

di Valentina Pettinato
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo