Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Questi giorni Recensione


Questi giorni Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Terzo titolo italiano in concorso al Lido, Questi Giorni è l’ultimo lavoro di Giuseppe Piccioni: un viaggio di formazione, un teen movie che vede protagoniste quattro giovani amiche. Tre ragazze decidono di accompagnare una loro amica in Serbia: deve trasferirsi per motivi di lavoro a Belgrado e questo viaggio può essere un’occasione per il gruppo per prendersi una pausa.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.0/5
Voto utenti: 3/5

Cecilia (Maria Roveran) scopre di avere un serio problema di salute: studentessa brillante, è innamorata del professore a cui ha chiesto la tesi (Filippo Timi), e stava già fantasticando un futuro con lui. Caterina (Marta Gastini) sta per trasferirsi a Belgrado, probabilmente anche per prendere le distanze dall’amica, della quale è da sempre innamorata. Poi c’è Anna (Caterina Le Caselle), incinta del suo fidanzato e che non ha mai deciso cosa fare della sua vita. E in fine Angela (Laura Adriani), in conflitto con suo padre (Sergio Rubini), apparentemente sicura ma emotivamente instabile.

"Mia giovinezza non t'ho perduta, sei rimasta in fondo all'essere, sei tu ma un'altra sei". Tutto trae spunto dal romanzo di Marta Bertini e da questi versi di Ada Negri. Giuseppe Piccioni nel suo ultimo lavoro cerca di ricostruire con tutte le forze quel momento esatto in cui la leggerezza tipica di una certa età deve fare i conti con i primi ostacoli da superare. Questo compito lo affida senza alcuna remora alle sue giovani quattro attrici, che si fanno depositarie del cuore narrativo del film stesso, e di un certo senso latente che di cui devono costantemente farsi portavoce.

Poi c’è Anna ([Caterina Le Caselle]), incinta del suo fidanzato e che non ha mai deciso cosa fare della sua vita

Questi Giorni parla di malinconia e di solitudine: di amicizie di gioventù che a un certo momento la vita di porta a mettere in discussione.

Ma la pellicola, mescolando in maniera poco controllata registri, umori, tematiche e passioni, scivola grossolanamente nel caos totale, complice sicuramente uno script poco solido e una serie di buchi narrativi o sottopiste accennate e lasciate sospese senza sottendere a qualcosa che fornisca un valore aggiunto allo spettatore. Anche il montaggio appare caotico: quello che sembra mancare al film è una visione d’insieme. Peccato perché la decisione di incentrare la pellicola sul tema dell’amicizia, scegliendo però di metterla in discussione, rende il lavoro interessante.

Occuparsi di quel momento in cui le convinzioni affettive iniziano a vacillare, anche in maniera definitiva e senza un minimo ripensamento, distingue un po’ questo teen movie dai classici film di genere, incentrati su questo concetto di formazione.
Non c’è formazione, non c’è crescita. Questi giorni parla solo di un momento preciso della vita di ognuno di noi, quei giorni in cui realizzi che le tue certezze sono solo legate all’età. E che appena un evento difficile (una morte, una gravidanza) ti mette alla prova, l’ordine diventa entropia, e sei pronta a ricostruire un nuovo equilibrio dal quale iniziare. Il registro scelto contribuisce a realizzare una dimensione glaciale e sospesa, che isola le quattro amiche, lasciandole sole in balìa del proprio destino. Il risultato, però, è un lavoro estremamente freddo, che alza una barriera tra lo spettatore e le sue protagoniste. L’andamento narrativo è discontinuo, ma anche superficiale. Nulla è approfondito, a volte la pellicola indugia su personaggi marginali, senza affidargli un senso, a volte ruzzola via, veloce, disinteressandosi delle angosce delle protagoniste. C’è un immobilismo narrativo di fondo che non permette al film di andare oltre e ci lascia orfani di un legame, più profondo, con le ragazze dello schermo, che avremmo forse potuto in qualche modo essere noi.

di Valentina Pettinato
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo