Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Café Society Recensione


Café Society Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti
Videorecensione

Gli anni Trenta in America. Cinema e locali notturni, Los Angeles e New York, amori effimeri e amori eterni.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

Sono tante le contrapposizioni di fronte al giovane Bobby Dorfman (Jesse Eisenberg), newyorkese a cui il Bronx ha cominciato a stare stretto e che ha cercato fortuna a Hollywood, dove lo zio Phil (Steve Carrell) è uno dei più noti e potenti agenti in circolazione. Bobby riesce a trarre il massimo dall’opportunità, soprattutto grazie agli incontri con Vonnie (Kristen Stewart), di cui il giovane si innamora perdutamente, e la coppia Rad (Parker Posey) e Steve (Paul Schneider), agente di modelle e produttore che lo prenderanno in simpatia e lo aiuteranno. Se la storia d’amore con Vonnie procede, lenta ma inesorabile, Bobby sente forte il richiamo del suo luogo d’origine. Vorrebbe tornare a New York con Vonnie ma la decisione è resa estremamente ardua da uno sconvolgente segreto che turberà gli equilibri della coppia e non solo. Tornato a New York, Bobby si lancia nel business dei locali notturni, divenendo presto un’autorità per la bella vita newyorchese. Ma qualcosa gli impedisce di godere della sua felicità.

Felicissima nuova opera di Woody Allen, Café Society riprende e rielabora tanti dei temi cari al regista, proponendosi come uno dei film migliori del recente passato. L’amore per New York; il gusto per gli affreschi di un’epoca passata; l’ironia dello sguardo sulla cultura ebraica e su come essa viene percepita; lo humour nero; l’attenzione al dolceamaro che la vita, e soprattutto l’amore, lascia in bocca a chi non si ferma alla superficie delle cose.

L’amore per New York; il gusto per gli affreschi di un’epoca passata; l’ironia dello sguardo sulla cultura ebraica e su come essa viene percepita; lo humour nero; l’attenzione al dolceamaro che la vita, e soprattutto l’amore, lascia in bocca a chi non si ferma alla superficie delle cose.

Ognuno di questi topoi ha il suo spazio in un film che si compone principalmente di dialoghi, ma nel quale la fotografia, gli ambienti e il jazz la fanno da padrona, per dare vita a un’ennesima dichiarazione d’amore di Allen per il cinema e per i suoi linguaggi. Delicato e amaro nel raccontarci la persistenza di un amore idealizzato più che realmente vissuto, Café Society ha un protagonista principale ma si compone in modo corale, dando spazio alle belle performance di tutti gli attori coinvolti, dai protagonisti ai comprimari. Forse solo la Stewart ha qualche vistoso calo di credibilità, in parte dovuto a un ruolo che la vede contesa, sorta di femme fatale acqua e sapone che dovrebbe avere un fascino magnetico ma risulta invece un po’ insipida, e sicuramente poco incline a dar voce alle emozioni in alcuni passaggi in cui la mimica non la sostiene. Eppure, Café Society resta un film che ha l’anima avvolta in un corpo perfettamente modellato.

di Roberto Semprebene
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

aurotami | 19:22 25/10/16

filmone

Segnala Rispondi

Vito302 | 0:08 29/10/16

grandioso

Segnala Rispondi

isabelbianca | 0:14 29/10/16

Da non perdere.

Segnala Rispondi

COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo