Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Opera prima di Marco Danieli, regista proveniente dal Centro Sperimentale di Cinematografia, La ragazza del mondo è colei che nel mondo sceglie di viverci, lasciandosi avvolgere dalla sua complessità, abbandonando un porto sicuro per vivere senza rimpianti.

Giulia (Sara Serraiocco), intelligente studentessa di un istituto tecnico, appartiene alla comunità dei Testimoni di Geova.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Ha una famiglia che la stima e che crede di supportarla in tutte le sue scelte, senza però rendersi conto che la figlia sta crescendo e con lei tutti quei bisogni e ambizioni tipici del passaggio tra adolescenza e età adulta. L’università costituisce un primo e costante terreno di scontro. Un nuovo scoglio si presenta quando Giulia conosce Libero (Michele Riondino), un ragazzo dal passato difficile. Le rigide impostazioni dei Testimoni di Geova, che non ammettono che un membro della comunità abbia una relazione con un “ragazzo del mondo”, portano Giulia a una scelta.

Il film di Danieli non è una storia d’amore. O meglio, non solo questo: è il racconto di un impatto, di una collisione ad altissima velocità tra l’emergere della propria volontà e le sovrastrutture etiche che appartengono a una comunità religiosa. Un dipinto delicato racconta il controverso mondo dei Testimoni di Geova, con il suo rigore e le sue insensatezze, ma anche con il calore e la serenità di chi ne fa parte e di chi lì dentro si sente al suo posto. Drammatizzando solo il necessario, a scopi filmici e narrativi, ma senza mai abusarne, il regista Marco Danieli e lo sceneggiatore Antonio Manca costruiscono uno script potente, privo di stereotipi e moralismi, tramite un’attenta documentazione data da letture e incontri a cui i due hanno effettivamente partecipato per mantenere una solida aderenza alla realtà.

Il racconto di un impatto, di una collisione ad altissima velocità tra l’emergere della propria volontà e le sovrastrutture etiche che appartengono a una comunità religiosa.

Sebbene la protagonista si ritroverà a fare i conti con la passione che svanisce, lasciando spazio a un’amara lucidità, l’autore delinea, tramite una regia impregnata di lirismo e scosse emotive, il racconto di una scelta finalmente autonoma e della ribellione consapevole di chi non vuole più che qualcun altro decida al posto suo.

di Eleonora Piazza
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo