Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Lezioni d'amore Recensione


Lezioni d'amore Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Le donne belle sono invisibili, perché nessuno riesce a vedere chi si nasconde dietro all’aspetto fisico e rimaniamo talmente affascinati dall’esterno, che non riusciamo mai a penetrare più a fondo”. Così recita il poeta George O’ Hearn, interpretato da Dennis Hopper, nel tentativo di mettere in guardia il suo amico, David Kepesh, dalla travolgente passione che sta per colpirlo.
Ben Kinglsey interpreta l’affascinante Professor Kepesh, un uomo carismatico e di successo, da sempre contornato da belle donne, per la maggior parte sue ex studentesse, con le quali si trascina in rapporti privi di sentimenti e di coinvolgimento, fino a quando non conosce Consuela Castillo (Penélope Cruz).

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 3/5



Consuela, giovane studentessa figlia di immigrati cubani, possiede quel mix di sensualità, eleganza, intelligenza e ingenuità che, a poco a poco, finisce col conquistare il professore fino a portarlo ad una vera ossessione. Troppo preso dai suoi archetipi sentimentali e da quelle paure che ciascun uomo, anche il più sicuro, porta con sé in ogni relazione sentimentale, Kepesh finisce col riversare nel suo rapporto con Consuela una serie di ansie e insicurezze personali, legati al timore di legarsi nuovamente ad una donna, ma anche alla tipica paura dell’abbandono, che per un uomo di un certo livello come lui è quanto mai inaccettabile. Nonostante l’amore che ella continua a dimostrargli, l’uomo è da una parte completamente in balia della passione e del sentimento che nutre per lei, dall’altra è incapace di viverli fino in fondo, preso dalla folle paura che Consuela possa abbandonarlo per un uomo più giovane e attraente. Kepesh cerca di mantenere il più possibile la sua superiorità con tutti gli strumenti in suo possesso: le legge libri, la porta a teatro, le suona il piano, esteta e profondo conoscitore della bellezza e del corpo femminile, del quale vede in Consuela la massima espressione, arriva a scattarle delle foto, così da cercare di fissare per sempre, nell’immortalità dello scatto, quell’essenza, quella forza esteriore che lo sta divorando.

L’essenza del film si basa su questo duplice piano, su un contrasto tra la bellezza esteriore, eclatante e conturbante, ma che appassisce presto e mostra la sua vulnerabilità, e la bellezza interiore che nasce dalla forza e dal coraggio di cambiare, di non opporsi all’inevitabile, di ricominciare. E così il vecchio professore, da insegnante di successo, si trasforma in alunno alle prime armi e torna sui banchi per imparare l’arte dell’amore, della compassione e della vulnerabilità dell’essere umano. Le vere lezioni di cui è protagonista, sono quelle che lo metteranno di fronte ad un sentimento e una passione struggenti, dai quali avrà tutto da imparare.

Dopo La mia vita senza me, in cui una giovane madre si confortava con la malattia e la morte, Isabel Coixet porta in scena il romanzo di Philip Roth L’animale morente, e torna a prediligere protagonisti che traggono forza e bellezza dal proprio coraggio e dai propri errori.

Troppo preso dai suoi archetipi sentimentali e da quelle paure che ciascun uomo, anche il più sicuro, porta con sé in ogni relazione sentimentale, Kepesh finisce col riversare nel suo rapporto con Consuela una serie di ansie e insicurezze personali, legati al timore di legarsi nuovamente ad una donna, ma anche alla tipica paura dell’abbandono, che per un uomo di un certo livello come lui è quanto mai inaccettabile

Ciascun personaggio sarà coinvolto in situazioni personali e della vita, che ne scalfiranno l’anima per sempre e metteranno a dura prova le scelte e le decisioni portate avanti fino ad allora. Così come Kepesh e Consuela, anche Carolyn (Patricia Clarkson) e Kenny (Peter Sarsgaard) dovranno fare i conti con le proprie scelte e ansie ataviche, lungo il filo comune della paura che attanaglia tutti noi: la solitudine conseguente all’abbandono.

di Daniela Silvestri
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo