Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Sully Recensione


Sully Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti
Videorecensione

Il 15 gennaio 2009 New York visse un miracolo, unico nella storia dell’aviazione civile: l’airbus A320 in servizio per il volo US Airways 1549, pilotato dal comandante Chesley Sullenberger, riuscì in un ammaraggio d’emergenza sul fiume Hudson senza che nessuna delle 155 persone a bordo perdesse la vita. Quindici anni dopo Clint Eastwood dirige l’adattamento cinematografico dell’autobiografia di Chesley "Sully” Sullenberg, celebrando l’evento che stupì e commosse una città e una Nazione piuttosto restia a credere nei miracoli da otto anni a quella parte.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5



Sully, come lascia intendere il titolo, si concentra sulla figura del comandante Sullenberg, interpretato da un intenso Tom Hanks, decisamente calato nella parte e credibile, al pari di Aaron Eckhart nei panni Jeff Skiles, primo ufficiale. Sully è un uomo schivo e pacato, innamorato del suo lavoro e forte di un’esperienza di quarant'anni in volo. Nel momento in cui, poco dopo il decollo, il suo aereo impatta uno stormo di uccelli, perdendo la spinta di entrambi i motori, al protagonista resta ben poco tempo per decidere il da farsi: cercare di raggiungere una pista di atterraggio è un’opzione impossibile, così il pilota si assume la responsabilità e i rischi di un ammaraggio sull’Hudson. La straordinarietà del suo gesto, e il pronto intervento dei soccorsi, consentono a tutti i passeggeri e all’equipaggio di uscire vivi dal disastro. I media e la gente acclamano Sully come un eroe, ma la commissione d’indagine sull’incidente è intenzionata a dimostrare che sarebbe stato possibile un epilogo anche migliore, con un rientro in sicurezza in aeroporto.

La celebrazione del fattore umano in contrasto con la disumana ricerca della perfetta reazione all’evento imprevisto è uno dei temi focali del film, e si articola magnificamente nelle udienze che Sully è costretto ad avere con la commissione d’inchiesta. Si crea un paradosso per il quale all’eroe pubblico si contrappone un accusato che rischia carriera e pensione, e sente con angoscia il peso di questo contrasto. Eastwood compone su un fatto di cronaca, di cui conosciamo già sviluppo ed epilogo, un dramma personale e un vero e proprio legal thriller, tanto asciutto quanto emotivamente avvincente, che non manca di farci trattenere il fiato.

Invece del classico stereotipo dell’eroe americano, Sully celebra la grandezza dell’uomo che sente di essere parte di una collettività; che riconosce i meriti del suo successo a un lavoro di squadra, senza attribuirsi, e men che meno riconoscersi, la titolarità di un gesto straordinario.

La scelta di regia è tipicamente eastwoodiana, forse anche più che in altri contesti, e tende a un resoconto in cui, una volta chiarita la statura morale della persona, si può persino ridere di quanto non è successo. L’attenzione è dedicata all’uomo Sully, che, in forte contrasto con l’aura di eroe che i media e la popolazione di New York e degli Stati Uniti gli riconoscono, è traumatizzato dagli eventi e non sente di aver fatto altro che il proprio lavoro, con tutte le sue responsabilità.

Invece del classico stereotipo dell’eroe americano, Sully celebra la grandezza dell’uomo che sente di essere parte di una collettività; che riconosce i meriti del suo successo a un lavoro di squadra, senza attribuirsi, e men che meno riconoscersi, la titolarità di un gesto straordinario. Ennesimo film figlio del post 11 settembre, Sully costituisce, però, una riflessione diversa sull’America e sulla sua grandezza: non più una nazione di eroi che si distinguono, ma un popolo che vuole, sa e sente di fare il proprio dovere; che trova la grandiosità nella normalità, nell'attenzione al prossimo e, a conti fatti, in un sentimento d’amore che fa anteporre il bene degli altri a qualsiasi altra considerazione.

di Roberto Semprebene
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo