Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Vincitore del recente Screen Actor Guild Awards come miglior cast e in gara agli Oscar 2017, Il Diritto di Contare è la storia della giovane matematica Katherine Johnson (Taraji P. Henson), che lavora alla NASA con le sue amiche e colleghe Dorothy Vaughan (Octavia Spencer) e Mary Jackson (Janelle Monàe).

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

Donne, e per giunta di colore, le tre vengono relegate in un ufficio nei sotterranei della sede della NASA: qui, grazie ai loro abili calcoli, vengono studiate le traiettorie dei lanci spaziali. Quando scatta la ricerca di un matematico che lavori al lancio in orbita del primo uomo, per battere la Russia sul tempo durante la corsa allo spazio, nessuno scienziato risulta essere un candidato migliore della giovane Katherine. Anche le altre ragazze non sono da meno, ma ognuna di loro per arrivare a elevatissimi livelli dovrà combattere contro le discriminazioni, razziali e di genere.

Tratto da una storia vera raccontanta nel libro di Margot Lee Shetterley, Hidden Figures: The Story of the African-American Women who Helped Win the Space Race, il film è la storia delle matematiche afro-americane Katherine Johnson, Dorothy Vaughan e Mary Jackson, donne di colore addette ai calcoli NASA per le traiettoie dei missili. Di grande talento e con grinta da vendere, le tre non si perderanno mai d'animo: Katherine desidera entrare nel programma spaziale Mercury e arrivare ai piani alti, anche se per lei - donna, di colore - anche le cose più semplici (come andare in bagno) saranno complicate; Dorothy, entrata in stage, vuole a tutti i costi diventare ingegnere e per questo dovrà cambiare perfino le leggi della Virginia; Mary, la più anziana del gruppo, nonché responsabile dell'ufficio, studia per diventare la prima programmatrice donna della NASA.

Le protagoniste di Il Diritto di Contare sono donne combattive, intelligenti e coraggiose che non si fermano davanti a nulla. Un vero e proprio inno al girl power. Le donne descritte non sono solo acutissime scienziate, ma anche madri e mogli: per star al passo con gli uomini dovranno triplicare la loro forza di volontà ed essere presenti per i figli, per i mariti e nella loro professione, in un luogo dominato dall'ostilità e dal razzismo. Le difficoltà non saranno poche (i colleghi avranno persino disgusto a bere il caffè dalla stessa caffettiera di Katherine) ma lo spettatore uscirà dalla sala soddisfatto per la visione di un film importante, ma soprattutto fortemente motivazionale.

Le protagoniste del film sono donne combattive, intelligenti e coraggiose che non si fermano davanti a nulla. Il Diritto di Contare è un vero e proprio inno al girl power.

Una nota di merito va dedicata alla scelta musicale del film: la colonna sonora di Hans Zimmer, studiata con l'aiuto di Pharrell Williams e Benjamin Wallfisch, mescola sonorità soul e r'n'b che ben rendono al meglio l'atmosfera e le ambientazioni del film. Il regista, Theodore Melfi riesce, studiando dettagli e soluzioni adatte, a descrivere con delicatezza le storie di queste donne forti, senza dimenticare l'empatia e l'emozione.

di Samantha Ruboni
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
starstarstarstarstar

Un film della Hollywood post-Obama: non più solo il tema black, ma anche quello delle donne nei luoghi di potere. Bene Kevin Costner, ma soprattutto bravissime le tre attrici protagoniste: senza di loro, il film avrebbe perso metà della sua consistenza. Avvincente, bel ritmo (considerando che si parla di matematica...) e splendida colonna sonora. Da vedere durante una serata tra amici o in famig

Leggi tutto

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo