Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Questione di Karma Recensione


Questione di Karma Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Nel suo nuovo lavoro Edoardo Falcone, come lui stesso afferma, vuole esplorare come si può evolvere e cosa può generare il senso di perdita nella nostra vita. Una perdita che può derivare dalla scomparsa di una persona cara, dalla mancanza di relazioni autentiche e approfondite, o più semplicemente dalle difficoltà che si incontrano sulla nostra strada.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3/5

Alla sua seconda opera come regista, Falcone, torna dopo Se Dio vuole del 2014 – pronto a diventare presto un remake a stelle e strisce – a parlare di argomenti universali e spirituali, almeno sulla carta. La pellicola strizza fortemente l’occhio alla nostra cara e sempreverde commedia all’italiana, cercando però di non cadere nelle solite banalità. Il cinema leggero, infatti, sembra stia attraversando in Italia una crisi di contenuti e proprio quella che una volta era il fiore all’occhiello della nostra produzione, la commedia, oggi ricade spesso nella sciatteria e nella futilità. Non è il caso di Questione di Karma, in cui il regista riesce non solo a invertire i ruoli recitativi dei due protagonisti, ma anche a costruire una sceneggiatura incalzante e ben congeniata, per nulla banale, che sorprende per la naturalezza, l’ilarità e l’intelligenza dei dialoghi.

Giacomo (Fabio De Luigi) è l’erede un po’ infantile e sui generis di una famiglia di industriali. Suo padre si è suicidato quando aveva quattro anni e lui, continuamente impegnato con le sue stramberie, finisce per consultare un esoterista francese (un divertente cameo di Philippe Leroy), che gli indica l’uomo in cui si è reincarnato suo padre: tale Mario Pitagora (Elio Germano). In realtà il tizio è tutt’altro che spirituale, ma piuttosto interessato a ciò che significhi avere un “figlio” così benestante.

Una commedia teneramente umana, sulle dipendenze reciproche tra gli esseri viventi e sul bisogno di affetto e sostegno ricambiati.

Per lo meno all’inizio. La frequentazione forzata tra i due, infatti, porterà entrambi a riconsiderare il loro modo di affrontare la vita.

Partendo dal karma del titolo, il film di Edoardo Falcone si avventura alla scoperta di come davvero influiscano su noi, e chi ci sta intorno, le scelte che facciamo. Si rivela quindi una commedia teneramente umana, sulle dipendenze reciproche tra gli esseri viventi, e sul bisogno di affetto e sostegno ricambiati.I due protagonisti sono entrambi molto bravi e credibili. Fabio De Luigi finalmente è alle prese con un ruolo diverso da quelli da lui in genere interpretati: se infatti Elio Germano è capace di recitare brillantemente qualunque cosa, De Luigi riesce perfettamente a contenere la sua comicità sottile e dirompente per una recitazione pacata e tenera, che non scivola mai nella macchietta ma, anzi, conferisce un dolce spessore al suo personaggio altrimenti etichettabile come stupidotto bidimensionale.

Ottime anche le prove di Stefania Sandrelli, la madre svampita e romantica di Giacomo; Eros Pagni, suo padre in seconde nozze; Isabella Ragonese, sorellastra e figura femminile dai positivi risvolti, artefice, insieme all’impostore Pitagora, della crescita e rinascita di Giacomo. Si ride di gusto, con garbo e intelligenza, per battute geniali e stralunate situazioni, e si riflette anche: così che il finale a lieto fine non ci sembra più scontato ma giusto, poiché letto alla luce della comprensione delle debolezze del genere umano e di chi cerca, comunque e nonostante tutto, di “cavarsela”.

di Angela De Angelis
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo