Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus

The Bye Bye Man Recensione


The Bye Bye Man Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Il liceale Elliot (Douglas Smith) si trasferisce con la sua ragazza Sasha (Cressida Bonas) e il miglior amico John (Lucien Laviscount) in una nuova casa vicina al college. Ben presto, la vita dei tre viene sconvolta dalla presenza di una misteriosa entità malvagia chiamata Bye Bye Man (evocato quando chiunque pronuncia o pensa il suo nome), che inizia a terrorizzare i ragazzi e a condurli in un inevitabile spirale di morte.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.0/5
Voto utenti: 3/5

Basato sul capitolo The Bridge to Body Island, contenuto nel libro The President's Vampire scritto da Robert Damon Schneck, The Bye Bye Man è uscito a gennaio nei cinema americani. Il quarto film della regista Stacy Title, a nove anni dal precedente Hood for Horror.

Dopo un incipit ambientato nel 1969, la vicenda di The Bye Bye Man si sposta nel tempo presente e prende il sentiero di un horror convenzionale cercando sfumature mystery e venature da thriller psicologico. Stacy Title tenta di trovare una varietà di umori e sensazioni che abbiano la capacità di innalzare il film a un qualcosa di più, cercando atmosfere e inquietudini che però rimangono fin troppo sommesse e mai veramente efficaci nella dinamica di genere. Si passa dall'archetipo della casa infestata a schematismi da dramma horror, provando a giocare con messa in scena e superficiali trucchi visivi. Ma il problema maggiore di The Bye Bye Man è la sostanziale mancanza d'identità e l'insicurezza nel raccontare: un film che appare come una miscela ben poco amalgamata tra le varie ramificazioni dell'horror.

The Bye Bye Man non trova un proprio centro e sembra girare a vuoto per tutta la sua durata, puntando anche in alto con un riferimento alla saga di Nightmare senza però replicare il discorso sul vedere/non vedere.

L'ennesimo film di stampo orrorifico sulla reiterazione del Male e l'impossibilità a sconfiggerlo.

Il tema della materialità del Male qui è esplicitata attraverso il pensiero e la parola, senza che questo diventi elemento portante o sguardo forte del film. Così si assiste a un'opera che ha poche idee e fa quasi per niente paura; che prova a sopperire le lacune con un tappeto sonoro di rara invadenza e si perde in dubbi e malriusciti effetti visivi e stilistici che poco aiutano. Il cast di giovani interpreti risulta impalpabile (da notare in negativo un cameo ai limiti del non-sense per Faye Dunaway). L'ennesimo film di stampo orrorifico sulla reiterazione del Male e l'impossibilità a sconfiggerlo.

di Riccardo Tanco
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo