Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

La tenerezza Recensione


La tenerezza Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Presentato all’International Bari Film Festival, La tenerezza di Gianni Amelio ricorda come, per potersi ritrovare, ci si debba prima perdere. La tenerezza è il racconto di una distanza, della loquacità di alcuni silenzi, della resa dei conti a cui ciascuno giunge con i rimpianti che affiorano con l’avanzare dell’età.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 4/5



Proprio alla tenerezza Lorenzo (Renato Carpentieri) sfugge da tutta la vita. Anziano, noto avvocato della Napoli borghese – così come descritto in La tentazione di essere felici, romanzo a cui il film si ispira –, Lorenzo vive da solo in un grande appartamento, prendendosi cura solo di se stesso e conducendo una sua personale routine di orgogliosa indipendenza. Il rapporto tra Lorenzo, schivo e arrogante, e i suoi figli Saverio (Arturo Muselli) ed Elena (Giovanna Mezzogiorno), non è dei migliori. Fino a quando l’apparente quiete interiore di Lorenzo viene completamente sconvolta dall’arrivo di Michela (Micaela Ramazzotti), trasferitasi con tutta la sua famiglia - due bambini e il marito (Elio Germano) - proprio nell’appartamento di fronte al suo.

La fotografia, curata da Luca Bigazzi, presenta una Napoli meravigliosa, in parte quella che già conosciamo, in parte quella dei nostri sogni: la luce del mattino illumina l’ultima brina notturna, lasciando spazio a vicoli brulicanti e al vociare dei bambini che riempie le piazze. Un’atmosfera serena, di paradossale quiete, dietro la quale però si nasconde tanta amarezza. Il film di Gianni Amelio, dal cast eccezionale, disvela infatti una crisi ben più profonda di quella circostanziata dal plot: la crisi dei processi comunicativi e dei sentimenti contemporanei, veicolati sempre più spesso da fraintendimenti e cose non dette o capite troppo tardi, come nel caso del rapporto tra Lorenzo e sua figlia Elena. La paura dell’autenticità e l'orgoglio perenne lacera le relazioni umane e rischia di trasformarsi nel più grande dei rimpianti.

L’intero intreccio narrativo deve molta della sua disarmante carica emotiva all’interpretazione di Renato Carpentieri, il cui personaggio, con la sua indole ribelle, ci conduce in un viaggio che, nonostante tutto, siamo lieti di fare, strappandoci di tanto in tanto anche qualche sorriso.

Il film, estremamente drammatico, trascina il pubblico in circostanze di un’intensità tale da destabilizzarlo. L’intero intreccio narrativo deve molta della sua disarmante carica emotiva all’interpretazione di Renato Carpentieri, il cui personaggio, con la sua indole ribelle, conduce lo spettatore in un viaggio che, nonostante tutto, cattura e strappa di tanto in tanto anche qualche sorriso.

di Eleonora Piazza
Sei d'accordo con questa recensione?
No
80 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo