LOGIN
cerca
Ricerca avanzata
Profilo
Messaggi

Logout
Film Serie TV
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Spawn Recensione


Spawn Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Dalle strisce a fumetti al grande schermo. Per Spawn il passaggio è avvenuto forse troppo in fretta.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.0/5
Voto utenti: 2.0/5

Nato nel 1992 dall'immaginazione di Todd McFarlane per la Image Comics, la serie a fumetti segnò immediatamente nuovi record di vendite negli USA – per un personaggio appena nato i numeri appaiono ancora più sorprendenti. La storia live action, sceneggiata da Alan B. McElroy per la New Line Cinema, arriverà appena cinque anni dopo, seguita da un tiepido riscontro al botteghino: costato 40 milioni di dollari, ne incassò poco più del doppio in tutto il mondo.

Al Simmons (Michael Jai White) è un killer professionista del governo USA. Quando il suo superiore Jason Wynn (Martin Sheen) lo tradisce e lo uccide in Corea del Nord – durante la missione che avrebbe dovuto mettere la parola fine alla sua carriera da assassino – promette di vendicarsi. Pur di rivedere la sua Wanda (Theresa Randle), Al Simmons decide di scendere a compromessi con Malebolgia, al quale assicura la guida del suo esercito per l'imminente Apocalisse. L'inferno ha appena creato un nuovo mostro: Spawn. Nel frattempo Cagliostro (Nicol Williamson) e il Clown/Violatore (John Leguizamo) si contendono le sue attenzioni.

Spawn condivide con Il corvo la stessa origine (entrambi nascono come comic book indipendenti), ma dal confronto cinematografico la creatura di Mark A.Z.

Spawn condivide con Il corvo la stessa origine (entrambi nascono come comic book indipendenti), ma dal confronto cinematografico la creatura di Mark A.Z. Dippè ne esce con le ossa rotte.

Dippè ne esce con le ossa rotte. La storia di Al Simmons diviene presto metafora di rinascita: allude a una condizione familiare da cartolina, disintegrata dopo la sua morte e conseguente discesa negli inferi – il paragone con Robocop di Paul Verhoeven non è del tutto fuori luogo, anche se tra i B-movie quest'ultimo rimane un imbattibile fuori classe. Dippè è un discreto mestierante: impiega la sua competenza nelle materie digitali (proviene dalla Industrial Light & Magic) per contestualizzare i personaggi in un mondo dark non abbastanza formato (animazioni e scenografie tridimensionali appaiono approssimative). Difficile segnare il confine di responsabilità tra le competenze registiche e i limiti di budget imposti dalla produzione.

In Spawn mancano comunque i tratti umani e introspettivi dell'eroe dannato, una sceneggiatura solida e la mano di un regista visionario in grado di garantire un'escalation ragionevole che impegni tanto l'immaginazione quanto la partecipazione emotiva dello spettatore. Tra i caratteristi – uno più improbabile dell'altro – John Leguizamo è l'unico che riesce a restituire dignità al suo personaggio, anche grazie all'ottimo make-up che ne accentua l'orrida maschera immorale. La colonna sonora, commistione di metal e musica elettronica, stride con l'atmosfera e allontana definitivamente questa (scadente) trasposizione dalle tavole originali alle quali McFarlane deve la sua ascesa come fumettista. Resosi conto del flop, il papà di Spawn afferma da anni di avere pronta la storia per un reboot: che le fiamme dell'inferno lo carbonizzino se non dovesse dimostrarsi la volta buona.

di Vito Sugameli
Sei d'accordo con questa recensione?
No
30 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

Effettua il login

Username
Password


RegistratiPassword dimenticata
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo