Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

L'accabadora Recensione


L'accabadora Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

È ancora aperto il dibattito antropologico sul tema dell’esistenza delle accabadore. Alcuni sostengono siano leggende, altri che siano realmente esistite.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 3/5

Le accabadore erano figure femminili che, secondo la tradizione sarda, davano la “buona morte” ai malati cronici che lo richiedevano, ponendo fine alle loro sofferenze con un cuscino o una mazza di legno. Nasce così, da un tema singolare e intrigante, l’ultimo film del cagliaritano Enrico Pau.

Fin da ragazzina, ad Annetta è stato assegnato il ruolo di accabadora dalla comunità del paesino in cui vive. Pare che la morte la segua ovunque vada: giunge a Cagliari all’inizio degli anni ’40, quando la Guerra inizia a distruggere la città; sta cercando Tecla, sua nipote, e nel frattempo trova alloggio in una grande villa di una famiglia che lascia la città per sfuggire alle incursioni aeree alleate.

I bombardamenti sulla città accompagnano la protagonista e gli altri personaggi che popolano la storia per tutta la narrazione. Non li vediamo mai in atto, ma sentiamo le bombe arrivare in tutta la loro violenza e vediamo, camminando per le strade insieme ad Annetta, il capoluogo sardo distrutto e decadente. Anche quando non ne vediamo gli effetti, i bombardamenti sono imminenti. L’atmosfera rarefatta e quasi mistica - in una città vuota, dai colori chiari, ma dai palazzi sporchi a causa della distruzione delle bombe - è il punto di forza di questo film, coproduzione italo-irlandese. Cagliari emerge come una città fantasma, affascinante ma anche portatrice di profondi lutti.

Donatella Finocchiaro interpreta un’Annetta su cui grava costantemente il peso del compito che deve svolgere: profondamente triste e dolente, appare talvolta spettrale proprio come la città in cui si muove.

Tutto questo focalizza l’attenzione sul tema principale del film, raccontato attraverso il peso della guerra e il peso della morte che l’accabadora è costretta a portare.

I silenzi ripetuti hanno un ruolo importante nel film di Enrico Pau, ma rischiano spesso di risultare poco comunicativi all’interno di una narrazione già scarna. Donatella Finocchiaro interpreta un’Annetta su cui grava costantemente il peso del compito che deve svolgere: profondamente triste e dolente, appare talvolta spettrale proprio come la città in cui si muove. Sembra però mancare anche a lei la tridimensionalità di un personaggio che non è solo il ruolo che deve svolgere, ma anche un essere umano.

Anche gli altri ruoli femminili sono poco convincenti, in un lavoro che forse si è concentrato più sul testo che sull’azione. Il rigoroso lavoro dedicato alla fotografia, alla scenografia, ai costumi poteva quindi raccontare di più. Emerge comunque efficacemente come il terzo film di Enrico Pau non abbia la pretesa di raccontare tanto dell’eutanasia praticata dall’accabadora, quanto il lutto, inteso come il vuoto che esso lascia.

di Miriam Gregorio
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo