LOGIN
cerca
Ricerca avanzata
Profilo
Messaggi

Logout
Film Serie TV
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Alamar Recensione


Alamar Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Mar dei Caraibi, Banco Chinchorro, gruppi di gabbiani gridano la loro fame contro la vastità del cielo messicano mentre una barchetta increspa la superficie piatta di un atollo: sono Natan, suo padre Jorge e nonno Matraca. Frutto di una notte d'amore in un'isola tropicale, Natan Machado Palombini è un bambino italo-messicano, residente a Roma con la madre Roberta, trascinato dal padre Jorge in un viaggio di scoperta attraverso segreti e abitudini della vita di mare.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 4.0/5

Tra pomeriggi di pesca e lunghe traversate oceaniche, il legame tra padre e figlio si fa più intenso, la pelle del bambino si tinge d'ambra come quella di un pescatore, tracciando così la rotta di un viaggio di risveglio fisico ed emotivo, un tenero rituale di passaggio d'esperienza, conoscenza e amore da una generazione alla successiva.

Sembra aver trovato la cifra del suo cinema in Alamar Pedro González-Rubio, a cui farà seguire Inori e Icaros, altre due opere dai forti connotati naturalistici, “organici” per usare un suo termine. Direttore della fotografia, editor e regista, Rubio costruisce un film sensoriale rimanendo in bilico tra realtà e finzione, documentario e film, tratteggiando il delicato racconto di una vita lontana, selvaggia, attraversata da personaggi solitari e correnti di misteriosa poesia. Il film si concentra su due relazioni, padre-figlio e uomo-natura, ma grazie all'elegante fotografia che rende ogni inquadratura una composizione, mettendo ogni elemento in armonia con l'ambiente circostante, gradualmente la relazione tra paesaggi e personaggi si fa simbiotica, emotiva, fino a confonderne i confini. Nonostante i protagonisti interpretino se stessi e il regista messicano non sembri prestare molta attenzione all'intreccio narrativo, concentrandosi invece nel catturare l'intimità della quotidianità, le immagini e i suoni di Alamar possiedono una forza primordiale e una risonanza epica capaci di evocare viaggiatori come Robinson Crusoe e Santiago de Il vecchio e il mare. Jorge, il padre, il “tarzan dell'oceano”, chiama le cose col loro vero nome e non si affida che alla manualità per spiegare al figlio la semplice ma sfiancante vita del pescatore, mostrando la devastante fragilità di quell'ecosistema. Ma prima che il film si trasformi in una fantasia d'evasione verso l'Isola che non c'è, riesce a impartire una dura lezione sull'impermanenza e sulla perdita: come la passione dei suoi genitori, i giorni di Natan in paradiso sono contati.

Alamar è un'opera pura, carica di fascino e fede per la vita, attraversata dalla vena scura di un imminente abbandono, come un nuvolone nero che pian piano si infittisce sopra le spiagge bianche a Sud del paradiso.

Alamar è un'opera pura, carica di fascino e fede per la vita, attraversata dalla vena scura di un imminente abbandono, come un nuvolone nero che pian piano si infittisce sopra le spiagge bianche a Sud del paradiso. È un film che non temendo gli assordanti silenzi della natura torna alle origini, di Jorge e Natan, del regista, ma soprattutto dell'uomo e della sua recente inclinazione a ricordarsi della natura solo quando deve sfuggire alla quotidianità.

di Riccardo Bassetti
Sei d'accordo con questa recensione?
No
70 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

Effettua il login

Username
Password


RegistratiPassword dimenticata
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo