Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Abbandonato il seminario per una crisi di coscienza - siamo nei primi anni Sessanta - Accio torna dalla sua famiglia a Latina, dove però non trova un’accoglienza calorosa: trascurato rispetto al fratello e alla sorella più grandi, per problemi economici gli viene negata la possibilità di accedere al liceo classico e viene quindi avviato agli studi da geometra. Così, un po’ per ripicca nei confronti della famiglia operaia, un po’ per l’influenza di un amico, Accio si dichiara fascista e partecipa alle azioni dell’MSI, entrando in contrasto con il fratello Manrico, attivo nei movimenti di estrema sinistra.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

L’amore/odio fra i due continuerà fino alla conversione di Accio alla causa comunista, ma alcuni eventi li costringeranno a separarsi.

Dopo la Germania con Le vite degli altri e la Spagna con Salvador, anche l’Italia guarda al proprio passato, e nello specifico al decennio compreso fra i primi anni Sessanta e l’inizio dei Settanta: Mio fratello è figlio unico, a dispetto del titolo mutuato da una canzone di Rino Gaetano, è tratto dal romanzo Il fasciocomunista di Antonio Pennacchi. Diretto da Daniele Luchetti e scritto, oltre che dal regista stesso, da Sandro Rulli e Stefano Petraglia, gli autori in un certo senso adottano nuovamente lo sguardo de La meglio gioventù: non un film politico ma, come dichiarato da Daniele Luchetti, un film incentrato su persone che fanno politica. Ed effettivamente è proprio il lato umano a prevalere. Attraverso due vicende e due caratteri diversi, quelli di Accio e Manrico, il film mette a nudo non solo gli ovvi limiti della cultura fascista, ma anche le contraddizioni e le ingenuità dei movimenti di estrema sinistra dell’epoca, soprattutto nella discutibile strumentalizzazione dell’arte (esemplare in tal senso la sequenza con l’esecuzione dell’Inno alla gioia). Non è però un prodotto apolitico, sia chiaro: la militanza degli autori si avverte di continuo e soprattutto in un finale che, pur raccontando un gesto forte a vantaggio dei cosiddetti "ultimi", riesce a evitare ogni facile retorica. Daniele Luchetti, camera a spalla e inquadrature strettissime, dirige con vivacità un film sincero, che sa strappare più di un sorriso e che fa dimenticare la scarsa credibilità di un Riccardo Scamarcio in tuta da operaio, con tanto di megafono e slogan rivoluzionari. Ma il vero protagonista, comunque, è Elio Germano.

Non è però un prodotto apolitico, sia chiaro: la militanza degli autori si avverte di continuo e soprattutto in un finale che, pur raccontando un gesto forte a vantaggio dei cosiddetti "ultimi", riesce a evitare ogni facile retorica.

di Lorenzo Pedrazzi
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo