Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Félicité Recensione


Félicité Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Félicité (Véro Tshanda Beya Mputu) vive a Kinshasa, dove lavora come cantante in un locale. La sua vita cambia per sempre quando suo figlio ha un incidente e deve essere operato con urgenza: ma mentre fa di tutto per trovare il denaro necessario, per il ragazzo le cose precipitano.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Costretta a inevitabili cambiamenti, la donna incontra Tabu (Papi Mpaka), un uomo allo sbando, che diventerà per lei e suo figlio sempre più importante.

Nonostante qualcosa della trama di Félicité possa ricordare Dancer in the dark di Lars Von Trier (una madre disposta a tutto pur di trovare i soldi per l'operazione di suo figlio) il film di Alain Gomis, regista nato in Francia ma originario di Guinea Bissau e Senegal, è un'opera colma di positività. Al centro della storia c'è una donna coraggiosa che, pur con le sue immense preoccupazioni, non smette mai di cercare una soluzione. Questa madre coraggio, che canta in un night club e che rimanda a numerose eroine del cinema, è davvero affascinante. Al punto che, forse complice anche la convincente interpretazione di Véro Tshanda Beya Mputu (incredibilmente al suo esordio sul grande schermo), avremmo voluto saperne di più su di lei e sulla sua storia. E invece il racconto del film appare talvolta troppo frammentario, con lunghe digressioni - certe lungaggini sulle esibizioni di canto non aiutano a tenere salda l'attenzione dello spettatore sulla storia - e salti repentini da un filo narrativo all'altro. In particolare, il personaggio di Tabu sembra contendersi la scena con la protagonista: al punto che le loro storie, più che intrecciarsi, finiscono per sottrarsi spazio a vicenda. Probabilmente l'idea era quella di offrire un ritratto a due facce della vita in Congo, dal punto di vista femminile e maschile.

Ricorre l'eredità del Nouvelle Vague, con le attese interminabili che accada qualcosa; e il realismo il stile Dardenne.

Ma i due personaggi subiscono in sceneggiatura un trattamento altalenante: non sono ugualmente protagonisti ma neanche l'uno riesce a fare del tutto da comprimario all'altro.

Chi segue un po' i registi africani, specie quelli francofoni, sa che è facile trovare nel loro cinema alcune caratteristiche degli autori francesi. Ricorre l'eredità del Nouvelle Vague, con le attese interminabili che accada qualcosa; e, di recente, va molto di moda il realismo dei fratelli Dardenne. Non stupisce quindi che anche Alain Gomis renda omaggio - più o meno volontariamente - a entrambe queste suggestioni.

Sebbene certe atmosfere da Due giorni, una notte siano piuttosto riuscite, solleva qualche perplessità l'idea di raccontare il Congo in stile dardenniano. Soprattutto in accostamento ai momenti più onirici della protagonista, in cui l'Africa emerge in tutta la sua potente presenza. E forse, è proprio il racconto di Kinshasa, tra le periferie malmesse e la poeticità dei locali notturni, la parte riuscita meglio del film. Sebbene in Alain Gomis sia presente ancora qualche incertezza su quale sguardo adottare, se quello documentario o quello lirico, emerge la volontà di un racconto africano. E per un regista che ha dichiarato di volere fare cinema nella sua terra di origine, piuttosto che in Francia, è lecito aspettarsi per il futuro ancora più autenticità.

di Aurora Tamigio
Sei d'accordo con questa recensione?
No
30 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo