Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

L'arte della fuga Recensione


L'arte della fuga Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Arriva nelle sale italiane L'arte della fuga, la commedia del francese Brice Cauvin già campione d’incassi in patria. Tratto dall’omonimo romanzo dello scrittore americano Stephen McCauley, il film analizza i rapporti amorosi assai travagliati di tre fratelli.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.0/5
Voto utenti: 3/5

Antoine, che vive da dieci anni con il suo compagno Adar ma è attratto da Alexis; Gerard che, pur amando ancora la moglie Helene dalla quale è stato lasciato, è attirato da Ariel; Louis, fidanzato da anni con Julie ma, in realtà, innamorato perso di Mathilde. In un complesso intreccio di situazioni, i tre protagonisti tenteranno, in qualche modo, di gestire i loro disastrosi rapporti, ma la tendenza a voler fuggire dalle proprie responsabilità, li costringerà a scontarsi con le difficoltà dell’amore, provocando dolore e malumori in chi li circonda.

Il film di Brice Cauvin, ambientato fra Parigi e Bruxelles, è una di quelle commedie fatte di dialoghi serrati che hanno lo scopo di indagare le introspezioni psicologiche di tre personalità profondamente insoddisfatte della propria esistenza e che tentano, attraverso i loro faticosi rapporti amorosi, di rimanere a galla e continuare a sentirsi vivi. Così come Antoine, Gerard e Louis, rispettivamente interpretati da Laurent Lafitte, Benjamin Biolay e Nicolas Bedos, anche i personaggi che ruotano attorno a loro risultano essere sempre precari, incapaci a comprendere veramente la realtà che li circonda e vittime, in qualche modo, sia dei tre fratelli che di se stessi. Non sono capaci di crescere realmente, i personaggi di Cauvin. Allo stesso tempo percepiscono con disagio la spiacevole sensazione del tempo che passa.

L'arte della fuga, nonostante il grande successo riscontrato in Francia, è un film non completamente riuscito. Una commedia brillante con risvolti amari: la sceneggiatura, nel fitto intrecciarsi di battute, riesce solo in parte a strappare il sorriso scivolando spesso nella noia. Un film che non decolla mai, per altro non aiutato dalla recitazione, che rimane piatta e anonima e dalla quale emerge solamente una scoppiettante Agnes Jaoui nella parte dell’estroversa Ariel.

Nonostante il grande successo riscontrato in Francia, è un film non completamente riuscito.

Uno di quei film che, dopo averli visti, si lasciano scivolare senza rimpianti nell’oblio.

di Marcello Perucca
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo