Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

All Eyez on Me Recensione


All Eyez on Me Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Ventuno anni fa ci lasciava, a soli 25 anni, Tupac Shakur (Demetrius Shipp jr.). La sua vita, così come la sua morte, è oggetto di critiche, indagini e ipotesi.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 3/5

La giovane età del rapper e la prematura scomparsa ne hanno fatto un simbolo, un’icona immortale: con il suo talento metrico e dialettico, si è battuto contro il razzismo cercando di distruggere barriere sociali e culturali. Al suo fianco, la madre Afeni (ex attivista delle Black Panthers) e i nemici/amici Notorious B.I.G, Digital Underground e il discografico Suge Knight.

Tupac Shakur è quanto di più vicino possa esserci a una fede: un culto, più che un cult musicale. Il suo modo di comunicare, il suo atteggiamento provocatorio, ma leale, l’ha reso un vero e proprio simbolo a cui una comunità si è aggrappata. Nel 2016, in occasione del ventennale della sua morte, si è iniziata a considerare la possibilità di un biofilm su di lui. Nello stesso anni, però, se n’è andata anche Afeni Shakur (sua madre) che tutelava l’immagine del compianto artista: questa inaspettata dipartita ha posticipato di un anno l’uscita di All Eyez on Me. Ma questo film, oltre a ricordarci quanto manchi Tupac alla scena musicale mondiale (Rolling Stone lo ha annoverato nella lista dei cento artisti migliori di sempre), ci fa riflettere su quanto la sua figura sia stata distorta e – per certi versi – intaccata.

Il rischio, quando si vogliono realizzare film biografici, è proprio quello di trasformare un omaggio in oltraggio.

All Eyez on Me ha tutta l’aria di essere un prodotto figlio della spettacolarizzazione mediatica che questo film ha subito volontariamente: se n’è parlato tanto, è stato atteso per anni, al punto che le aspettative si sono alzate vertiginosamente.

Il girato di Benny Boom è un ritratto negativo, piuttosto che romantico, di una carriera artistica che – al netto di incongruenze e sovvertimenti – ha emozionato più che sconvolto. Infatti, Afeni Shakur, fin quando è rimasta in vita, ha ribadito più volte quanto non volesse che suo figlio venisse dipinto come una marionetta. Tupac non è mai stato un visionario, né tantomeno un burattino facilmente gestibile su cui riversare frustrazioni.

All Eyez on Me ha tutta l’aria di essere un prodotto figlio della spettacolarizzazione mediatica che questo film ha subito volontariamente: se n’è parlato tanto, è stato atteso per anni, al punto che le aspettative si sono alzate vertiginosamente.

Sono caduti tutti quei paletti che la Tupac Shakur Foundation aveva posto e che la signora Shakur aveva avallato. Tupac, qui, viene dipinto come un catalizzatore di eventi che non è in grado di padroneggiare, quando invece faceva l’esatto opposto: è stato sempre vigile e attento sul suo materiale e soprattutto curava ogni singolo atteggiamento cercando di migliorare la sua presenza scenica di volta in volta.

Questo aspetto, in 130 minuti di film, non emerge minimamente; complice una regia scialba fatta di lungaggini inutili, stacchi casuali che frammentano la narrazione, con una quasi totale assenza di ritmo. Inoltre, si denota qualche lacuna nella conoscenza del repertorio artistico di Shakur, soprattutto quando si pretende – abbastanza caparbiamente – di far eseguire dal vivo a Tupac una canzone uscita postuma: Hail Mary. Con tanto di coro in simultanea da parte della folla in delirio. Non siamo al cospetto di un’opera che passerà alla storia per la sua coerenza, ma almeno un po’ più di tatto nel ricordare una leggenda era lecito aspettarselo. Non a caso, infatti, John Singleton – a cui era stata affidata inizialmente la regia – passò il testimone a Boom per "divergenze creative”. A giudicare dal film, non si sono appianate affatto.

di Andrea Desideri
Sei d'accordo con questa recensione?
No
20 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo