LOGIN
cerca
Ricerca avanzata
Profilo
Messaggi

Logout
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

home video

Recensioni DVD Recensioni Blu Ray

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Il vegetale Recensione


Il vegetale Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Fabio Rovazzi (nel film come nella vita reale) è un ventiquattrenne appena laureato in Scienze della Comunicazione. Vive a Milano perché è la città in grado di offrirgli un futuro radioso e la realizzazione massima.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 3/5

Non la pensa così Nicola, il suo co-inquilino di origini pugliesi, ben consapevole della tragica situazione lavorativa in Italia, che da tempo fa il fattorino per un ristorante giapponese. Dopo un colloquio con il Centro Direzionale, Fabio viene assunto per distribuire volantini: l'impiego è umiliante ma le speranze del ragazzo si accendono nel momento in cui viene selezionato per uno stage.

Dapprima è una sorpresa il film di Gennaro Nunziante, autore e regista de Il vegetale: nelle in questa commedia (con incursioni nella satira vera e propria, di cui è massimo simbolo Barbara d'Urso che interpreta se stessa) costruisce un impianto solido e interessante su cui fa sviluppare una pungente critica contro un sistema impossibilitato a garantire un futuro - non radioso come lo vorrebbe Fabio ma neanche, perlomeno, dignitoso - ai propri figli; contro un'Italia bloccata perché è solo il residuo di ciò che è stato lasciato dalla generazione precedente. Il film di Nunziante affronta il problema del singolo individuo per ripercorrere la strada che tutta un'intera generazione (la sua) è stata ed è ancora costretta a ricalcare; come faranno, si può già prevedere, anche quelle a venire. Fabio Rovazzi non è un attore: per chi non lo ricordasse, era lui quel ragazzo milanese che, attraverso i social di maggiore visibilità (YouTube, Facebook, Instagram), si era fatto conoscere in tutta Italia sfondando con Andiamo a comandare, hit - sopportabile o meno - onnipresente su ogni radio nel 2016. Non è un attore, dicevamo, ma la sua faccia è quella giusta: perché Rovazzi a primo impatto è davvero un "vegetale" dall'aria assente, un po' alienata, fuori posto.

Il suo volto è perfetto per delineare lo stato d'animo un po' incosciente, ingenuo, talvolta anche inconsapevolmente arreso e perciò spento, di tutti quei ventenni che, affacciandosi per la prima volta sul mondo del lavoro scoprono che ogni sforzo, ogni goccia di sudore finita sui libri di scuola e di università, ogni anno passato a investire nell'istruzione, non sono affatto un certificato.

Il volto di Rovazzi è perfetto per delineare lo stato d'animo un po' incosciente, ingenuo, talvolta anche inconsapevolmente arreso e perciò spento, di tutti quei ventenni che si affacciano per la prima volta sul mondo del lavoro.

Nessuna laurea è una promessa e scoprono è che quei fogli, al massimo, sono un lasciapassare valido per poter solo iniziare a lottare per ottenere ciò che altri, prima di loro, hanno ricevuto come naturale e spontanea ricompensa al duro studio. Il lavoro, insomma, è l'inizio, non una tappa finale. Se il problema che concerne l'Italia e i suoi ragazzi (anche Fabio Rovazzi stesso) è questo, andrebbe sviscerato a dovere: nonostante Il vegetale apra un efficace spaccato del paese in salsa a tratti parodica, il problema che riguarda il film di Gennaro Nunziante si manifesta in un secondo atto coraggioso ma anche furbo nel raggirare l'opportunità - e anche l'impegno - di narrare l'Italia così com'è davvero. Rovazzi, che tanto vegetale alla fine non è, riparte da zero in un mondo "su misura" da lui costruito per fuggire da quello invivibile e detestabile attorno a lui; ogni causa è una causa persa e ogni guerra inutile.

Apprezzabile, se non fosse che si abbandona totalmente il tentativo di dire di più sul paese e sui suoi (nemmeno tanto nascosti) "scheletri nell'armadio", sulle sue contraddizioni, sulle false promesse e false credenze. La commedia di Gennaro Nunziante è una commedia acuta, anche tenera se si vuole, ma priva di qualcosa. Un'occasione sprecata almeno in parte.

di Federica Cremonini
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

Effettua il login

Username
Password


RegistratiPassword dimenticata
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo