Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Hunting Season Recensione


Hunting Season Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

In Hunting Season, bella opera prima della regista argentina Natalia Garagiola, vincitrice a Venezia della 32ª Settimana Internazionale della Critica, la distanza che separa Nahuel con il padre Ernesto è abissale. Sia dal punto di vista fisico - il giovane abita a Buenos Aires mentre l’uomo vive a migliaia di chilometri di distanza in Patagonia - sia dal punto di vista affettivo: Nahuel, infatti, non considera più Ernesto suo padre da tempo, da quando cioè lo aveva abbandonato per rifarsi una famiglia nel sud del paese.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

Alla morte della madre, però, Nahuel, è obbligato a riallacciare i contatti con il genitore lasciando Buenos Aires (e Bautista, il compagno della madre che, di fatto, considera il suo vero padre), iniziando un viaggio soprattutto interiore, che lo porterà a contatto con un passato che vorrebbe rimuovere. I rapporti con Ernesto, esperto cacciatore, sono da subito tesi; l’uomo è duro, privo di slanci affettuosi nei confronti sia di Nahuel, sia della sua famiglia. A rendere ancora più sofferta la vita al ragazzo è l’ostilità dell’ambiente nel quale si è trasferito. Un ambiente chiuso costretto nel freddo inverno del sud dell’Argentina, al quale si associa il gelo dei rapporti che si instaurano con il padre, la sua compagna e le figlie avute dal secondo matrimonio e con i coetanei del luogo, con i quali Nahuel non riesce a entrare in sintonia.

Un’immagine disperata di una gioventù, nella quale i rapporti sono sempre mediati dall’alcol che scorre a fiumi, strumento utile a sopire l’insoddisfazione del vivere in luoghi verso i quali l’unico desiderio è quello di fuggire lontano. Eppure un riavvicinamento, per quanto inizialmente improbabile fra padre e figlio, sembra possibile attraverso la caccia, attività virile alla quale Nahuel viene iniziato da Ernesto. Ma la difficoltà del giovane ad accettare la figura paterna è grande: apparentemente insormontabile per un ragazzo che ha perso nel volgere di poco gli affetti più cari.

Natalia Garagiola si avvale della fotografia di Fernando Lockett per esaltare gli spettacolari panorami della Patagonia e mettere in risalto, al tempo stesso, la profonda solitudine degli uomini.

Natalia Garagiola si avvale della fotografia di Fernando Lockett per esaltare gli spettacolari panorami della Patagonia e mettere in risalto, al tempo stesso, la profonda solitudine degli uomini. Hunting Season è un film declinato soprattutto al maschile; le donne appaiono sbiadite, di contorno. Una scelta, questa, voluta per dare ancor più risalto alla durezza e al malessere dei personaggi. La macchina da presa contribuisce a questa sensazione seguendo, spesso con primi piani e con riprese frenetiche e vorticose, il profondo tormento di Nahuel (interpretato da un ottimo Lautaro Bettoni).

Tutto il film è un viaggio iniziatico. Sia per Nahuel, che si troverà, nel passaggio all’età adulta, a dover fare delle scelte dalle quali non potrà più tornare indietro, sia per Ernesto (interpretato da Germán Palacios) che lentamente riuscirà a farsi accettare dal ragazzo per arrivare, solo nel finale, a chiamarlo «figlio mio».

di Marcello Perucca
Sei d'accordo con questa recensione?
No
20 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo