Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Good Time Recensione


Good Time Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Il film si apre con una minaccia che troverà la sua cupa realizzazione solo alla fine, in uno svolgimento circolare che si riavvolge in se stesso, lasciando senza ossigeno e senza speranza protagonisti e spettatori. I due fratelli Connie e Nick Nikas vivono a New York, nel Queens, con una vecchia nonna.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

Nick ha un ritardo cognitivo: non è in grado di elaborare il pensiero astratto. Ha un viso largo, liquido, lo sguardo smarrito da bambinone; è incapace di capire e di contenere la rabbia. Il fratello, Connie (Robert Pattinson, magro e stropicciato alla sua nuova prova autoriale da personaggio sofferente) gli vuole un gran bene e vorrebbe prendersene cura. Connie Nikas è sveglio, coraggioso, pronto a elaborare strategie e ad affrontare imprevisti; è persino ben educato, per essere un piccolo criminale. Non conosce di meglio che rapinare una banca, lodando e incoraggiando Nick per le sue riuscite, come farebbe un bravo fratello. Ma la rapina non va esattamente come previsto e Nick finisce in prigione e poi in ospedale. Spetterà a Connie liberarlo: in mezzo c'è la vita, cruda, reale, fatta di incontri inaspettati, assurdi errori, situazioni bizzarre, fatalità.

Una claustrofobica e raggelante analisi dell'impossibilità di uscire dal proprio destino, dalla propria condizione sociale.



Due scene sono altamente simboliche in Good Time. La prima, quella in cui Connie e il suo casuale compagno di crimini Ray (Buddy Duress), si avventurano nel tunnel del terrore di un parco di divertimenti di notte, alla ricerca, al buio, di quello che per loro è un tesoro, qualcosa di buono che rappresenta il senso della loro storia. La seconda, l'inquadratura dall'alto di Connie che fugge inseguito dai poliziotti, sotto lo sguardo di Ray, senza scampo proprio come un topo in un labirinto. Ray è dipendente dalla bottiglia e dagli acidi, vittima di se stesso, inconsapevole e in qualche modo innocente, come lo sono Nick e Connie.

Criminali squinternati, smarriti, stralunati. Alle loro spalle c'è sempre una nonna, oppure una mamma, maldestre e impotenti, alle quali prima o poi, toccherà telefonare. Tutti ne hanno una, persino la fidanzata di Connie, la sofferta e fragile Jennifer Jason Leigh.

Claustrofobica e raggelante analisi dell'impossibilità di uscire dal proprio destino, dalla propria condizione sociale. Una riflessione esistenziale di ampio respiro, proporzionalmente alla ristrettezza delle prospettive che si chiudono sui protagonisti. La frase iniziale «è questo che credi di essere?», pronunciata con protettiva tenerezza da Connie al fratello, è destinata a non avere risposta. Lo psichiatra riesce nel suo intento, come società vuole, di incasellare tutti al posto giusto: il ritardato insieme ai malati, il criminale in carcere. Non arriverà mai per loro il Good Time.

di Emanuela Di Matteo
Sei d'accordo con questa recensione?
No
50 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo