Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Nella profonda provincia americana, la piccola Mary Adler si dimostra particolarmente votata alle materie scientifiche, tanto da primeggiare sui compagni di classe. Vista la sua innata vocazione, riceve la possibilità di ottenere una borsa di studio presso un istituto frequentato da coetanei che hanno in comune con lei le medesime doti intellettuali, di molto superiori a quelle degli altri bambini.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.0/5
Voto utenti: 3/5

La zia Mary e il tutore legale Frank si oppongono però a questa scelta. L’uomo, infatti, che ha a sua volta sperimentato una situazione analoga a quella che si prospetta per la bambina, teme che a Mary venga preclusa la possibilità di fare nuove amicizie. Ma Frank ha anche un altro motivo per dissentire da tale scelta, un motivo decisamente più personale: la madre di Mary, Diane, che ha trasmesso alla figlia l’eccezionale intelligenza di cui gode, e che fu a sua volta un’importante matematica, morì quando la bambina aveva solo pochi mesi e da allora Frank le ha sempre fatto da padre. La madre di Frank e la nonna materna di Mary, Evelyn, cercano però in ogni modo di ottenere la custodia legale di Mary. Un episodio particolarmente violento e macabro, rivelerà l’autentica natura di Evelyn: una donna crudele e malvagia.

Il tema del bambino che presenta un’eccezionale intelligenza e degli adulti che vogliono sfruttarla, privandolo così della possibilità di vivere un’infanzia normale e serena, è stato ampiamente sfruttato dal cinema americano. Non risultano quindi né nuovi né originali gli argomenti di Gifted - Il dono del talento. Lo sviluppo della trama, con l’inevitabile lieto fine, come anche la caratterizzazione dei personaggi - nonostante le buone prove di Chris Evans e Octavia Spencer non presentano nulla di nuovo e sono ricalcati su stereotipi ormai abusati, che difficilmente possono coinvolgere ed emozionare il pubblico.

Il tema del bambino che presenta un’eccezionale intelligenza, e degli adulti che vogliono sfruttarla, è stato ampiamente sfruttato dal cinema americano.

Senza un vero approfondimento psicologico e un’autentica tensione narrativa, il film perde rapidamente d’interesse e inclina al melodramma, cercando spesso, e coi mezzi più facili, la commozione dello spettatore. Anche le scene della battaglia legale per ottenere la custodia di Mary appaiono prive di sorprese, incapaci di risollevare il film di Marc Webb dalla prevedibilità e dalla mancanza di tensione che l’affliggono. Gifted - Il dono del talento sconta dunque il difetto di trattare temi usurati senza la capacità di vivificarli e di trasformarli in una storia credibile e avvincente per lo spettatore.

di Edoardo Ribaldone
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo